Posts Tagged ‘aperitivo’

madrid4

Vi starete chiedendo: “che fine ha fatto? Starà creando qualche idea nuova ma di lunga esecuzione?” invece no, tutt’altro. Mi sono presa una pausa di qualche giorno per staccare con la vita quotidiana approfittando del fatto che qui da noi c’era la festa del Patrono e, preparata la valigia… partenza, destinazione Madrid! Leggi tutto

Tags : , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Cosa c’è di meglio di una piacevole momento in famiglia davanti alla Tv guardando un carinissimo cartone animato, sorseggiando bollicine e smangiucchiando qualcosa tutti comodamente sdraiati sul divano? Penso che sia un momento unico che tutti vorrebbero e a noi piace sempre più spesso trascorrere il fine serata così ecco perché da noi è nata la tradizione dell’#Aperisfizio, di cosa si tratta? Leggi tutto

Tags : , , , , , , , , , , , , , ,

Siete golosi? Vi piace stuzzicare la sera guardando un film oppure spizzicare qualcosa di gustoso mentre state lavorando al computer? Allora siete come me e Lorenz Nic Nac’s fa per voi! Ho avuto modo di provarli per un test grazie a trnd che mi ha inviato uno starter kit gratuito contenente diverse confezioni di questo prodotto in diversi gusti tutti da provare ma anche da condividere con i miei amici e devo dire che… sono andati a ruba! Leggi tutto

Tags : , , , , , , , , , , , , , , ,

Anche noi bloggers siamo stati invitato all’aperitivo post Kreativ dove abbiamo potuto stare a contatto diretto con tutti gli espositori; momento d’incontro ma anche di coinvolgimento dove l’organizzazione ha organizzato un lungo aperitivo e musica dal vivo.E’ stato bello vedere come tutti fossero uniti, coinvolti e si stessero divertendo al di fuori della fiera. Leggi tutto

Tags : , , , , ,

Ho preparato un aperitivo per cena perché… è stata una giornata molto interessante e così ho voluto “festeggiare” preparando qualcosa di curioso ma al tempo stesso molto goloso; una ricetta molto semplice, con pochi ingredienti ma che colpisce per la forma: una carinissima rosellina formata con dei semplici ingredienti. E’ una ricetta che non va nemmeno cotta quindi da preparare proprio all’ultimo momento e la mia fonte di ispirazione è stato la tv: mi ha colpito il gusto del salmone associato alle olive nere, mi sono talmente ingolosita che… eccole qui! Leggi tutto

Tags : , , , , , , , , , , , , , , , ,

Oggi sono in tema di pupazzi di neve; dopo aver creato il pupazzo di puré che è andato a ruba, ora ne voglio creare uno tutto ricicloso. Con i festeggiamenti di ieri relativi al mio compleanno, io e mio marito ci siamo fatti un semplice aperitivo analcolico con il classico Bitter e… sia mai che butto via i tappi, possono sempre tornare utili ed infatti, ecco qui come poterli utilizzare. Leggi tutto

Tags : , , , , , , , , , , , , , ,

Il nostro Halloween penso sia diverso da quello di chiunque altro; non perché è unico, il più particolare o il migliore. Non perché sono da noi ci si diverte, si mangiano cose squisite oppure ci sono i travestimenti migliori; nulla di tutto questo. Semplicemente perché da noi la festa di Halloween si festeggia TUTTO il giorno anzi, SOLO di giorno! Leggi tutto

Tags : , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Volte preparare qualcosa di veloce, di stuzzicante e al tempo stesso invitante? Non solo coglierete il lato appetitoso di vostro marito ma con questi stuzzichini riuscirete a catturare anche i bambini perché vedranno nel piatto qualcosa di… mostruoso ma simpatico, invitante e… croccante! Ci metterete pochissimo a preparare questi divertenti “zombie” e sarà lo stesso tempo in cui… il piatto si svuoterà! Leggi tutto

Tags : , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Dopo aver ricevuto l’invito per partecipare all’incontro con Christian Boiron e avere così la possibilità di avere maggiori informazioni riguardo all’omeopatia, non ho avuto dubbi e ho subito accettato. E’ stata una bella serata trascorsa in compagnia di un team cordiale e disponibile, in un ambiente allegro e ricco di colori grazie alle opere di Gregorio Mancino realizzate su mobili, pareti o muri e straordinaria è stata la sua accoglienza: ha realizzato per ogni partecipante un’opera unica e personalizzata. Durante il buffet, intanto che aspettavamo l’arrivo di Christian Boiron, noi blogger abbiamo avuto la possibilità di conoscerci e iniziare a relazionarci con il personale dell’azienda che si è mostrato da subito molto disponibile.

La serata è iniziata con la presentazione dell’azienda e dei suoi collaboratori per poi lasciare la parola a Christian Boiron che ci ha spiegato la motivazione di questo incontro, unico nel suo genere e rilevante per l’azienda: Boiron ha ritenuto fosse importante far chiarezza sull’omeopatia e sapendo che il web sta prendendo sempre più piede, ha voluto “ascoltare” le domande e i quesiti di noi blogger per ampliare la comunicazione su questo argomento che, molto spesso, viene travisata.

Le domande che sono state poste sono state diverse: esistono casi inequivocabili per i quali è provata l’efficacia? Quanto è conosciuta in Italia? L’omeopatia è utilizzata anche in casi gravi come ad esempio i tumori? La medicina tradizionale va in conflitto con l’omeopatia? Si possono utilizzare insieme? Visto che per i medicinali non si può far pubblicità, come vi fate conoscere? Mi voglio però soffermare su 2 domande che interessano prevalentemente il campo di cui mi occupo con passione: i bambini. E’ stato chiesto se i medicinali omeopatici si possono dare anche ai bambini e come ci si deve comportare in gravidanza. Le spiegazioni sono state date dal dottor Targhetta medico omeopata: partiamo dal fatto che i prodotti omeopatici non hanno effetto tossico in quanto totalmente naturali, inoltre non si riscontrano effetti collaterali, quindi già questo dovrebbe far capire a noi mamme che sono prodotti sani e naturali, ed è proprio di questo che i bambini hanno bisogno. Certo, c’è il pediatra che ci consiglia e ci aiuta nella loro crescita ma alla fine siamo noi mamme che prendiamo le decisioni finali su come comportarci e sapere che ci sono dei prodotti che ottengono lo stesso risultato ma che hanno proprietà naturali… penso sia la scelta giusta. La stessa cosa vale nei confronti della gravidanza anzi, non ci sono aiuti migliori soprattutto in avvicinamento al parto e nel post parto.

Da mamma posso darvi un piccolo esempio provato e testato in vista di un semplice problema come la dentizione: col primo bambino non mi sono nemmeno accorta che i denti stavano nascendo, non ha mai avuto problemi di nessun tipo, né dolori, né salivazione, né dissenteria; col secondo figlio invece a tutt’oggi siamo ancora qui che aspettiamo finiscano di uscire. Con i primi denti aveva 1 settimana intera di dissenteria così forte che non solo aveva il sederino arrossato ma quasi si squamava tanto da dovergli mettere una crema creata appositamente con erbe e cambiargli il pannolino quasi ogni ora; dopo la settimana di dissenteria arrivava la febbre che durava circa 3 giorni ed infine un dolore che lo faceva piangere, agitare e tenere sempre le dita in bocca. Devo dire che ne abbiamo provate diverse: pomate che indolenzivano la gengiva almeno vicino ai pasti e al riposo notturno per alleviargli il dolore, gocce calmanti, massaggi alle gengive, collana di ambra che pare catturi la negatività ma… non abbiamo risolto molto. L’ultimo tentativo è stato con dei flaconcini: devo dire che c’è stato un gran miglioramento: non si sono presentati più né la febbre né la dissenteria e il dolore è diminuito tanto da non piangere più ma avere solo necessità di mettersi qualcosa in bocca. Per noi mamme è importante che il bambino stia bene quindi è giusto provare per trovare la cosa migliore per lui e questo non è l’unico esempio che potrei farvi. Il problema più diffuso nei bambini è la tosse e di sciroppi ce ne sono molti in giro anche fin troppo specifici a seconda del tipo di tosse ma non mi risolvevano il problema; alla fine ho provato un loro prodotto indicato per questo problema e devo dire che con un unico prodotto, in un gusto aromatizzato molto gradevole, la tosse si allevia dopo pochi giorni. Come avrete capito, io utilizzo medicinali omeopatici sia per me che per i miei bambini e fino ad ora mi sono sempre trovata bene; considero l’omeopatia un buon metodo per la soluzione di problemi, non ha niente da togliere o in meno rispetto alla medicina tradizionale; penso sia giusto utilizzarle entrambe al bisogno. Non avendo effetti indesiderati e non essendo tossici penso che i medicinali omeopatici possano essere la risorsa del futuro e spero che, anche grazie al nostro contributo, si possa fare e avere più chiarezza lasciando proseguire chi si occupa di omeopatia con passione e amore, con Christian Boiron, di fare passi da gigante ottenendo così risultati sempre migliori. Ricordiamoci che la natura è parte fondamentale della nostra vita, siamo nati da lei e dobbiamo rispettarla e di sicuro da lei si può ricavare tutto ciò di cui abbiamo bisogno.

Come ultima cosa, voglio mostrarvi una nostra creazione realizzata con i flaconcini; nel nostro sito raccogliamo tante idee e lavoretti soprattutto con materiale di riciclo e di questi flaconcini ne abbiamo utilizzati talmente tanti che siamo riusciti a recuperarli creando… delle simpatiche zattere galleggianti.

Article sponsorisé

Condividi con ebuzzing

Tags : , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Siamo in procinto di festeggiare il Capodanno cenando in famiglia ma visto che i nostri adorati bambini si addormenteranno molto presto, abbiamo deciso di dividere il nostro cenone in 2 parti facendo prima un aperitivo con loro per coinvolgli negli AUGURI per poi proseguire con una cena a due quando i piccoli saranno andati a letto.
Come aperitivo ho preparato delle pizzette mignon, non possono mancare le patatine classiche e al formaggio, le tartine al salmone in uno strano formato e le tanto attese chele di granchio che mio marito aspettava di gustarsi da giorni. Finiremo di cenare con dei ravioli al gornonzola e noci e un’insalata di gamberi, pomodori e basilico e… non possono certo mancare le lenticchie! Per il momento mi dedico al menù se invece volete assaporare anche voi quate ricettine… vi aspetto nei prossimi giorni.

Per la serata e per intrattenerli un pochino oltre il loro consueto orario ovvero le 20,30 ho pensato a qualche giochetto per coinvolgerli un pò: faremo passare un pò di tempo a Simone divertendosi con la tombola: adora i numeri e tenere il tabellone! Cercheremo poi di intrattenerli ancora un pò giocando con il trenino Thomas e i suoi amici facendoli correre lungo la pista; alla fine, prima che si addormentino, ci scambieremo un caloroso bacio sotto il vischio o meglio, la ghirlanda che nel pomeriggio abbiamo creato per l’occasione, speriamo possa essere di buon auspicio per il 2011!

BUON ANNO A TUTTI!

Tags : , , , , , , , , , , , , ,

Altro divertimento dell’ultimo pomeriggio dell’anno è stato realizzare i segnaposti per la cena anzi, dell’aperitivo; dopo aver raccolto il materiale necessario, ci siamo messi a creare i 4 segnaposti nominali: mamma, papà, Simone e Lorenzo.

Materiale: cartoncino un pò spesso, pennarelli colorati, nastrini (quelli per incartare i pacchetti regalo), forbici e colla.
Procedimento: la creazione l’ho fatta io mentre il colore e il mettere insieme i pezzi, ci ha pensato Simone. Per prima cosa ho ritagliato dei rettangoli su un cartoncino spesso in maniera tale che potessero stare in piedi da soli; su un foglio di carta ho invece disegnato una bottiglia di champagne e un tappo, ci serviranno per decorare il segnaposto. Dopo aver ritagliato 4 bottiglie e 4 tappi è iniziato il lavoro di Simone che ha colorato le bottiglie e i tappi per poi attaccarli sul cartoncino che nel frattempo ho decorato creando un contorno colorato. E’ stata poi la volta dei nastrini colorati: li abbiamo tagliati a piccoli pezzi e li abbiamo incollati facendo in modo che fuoriuscissero dalla bottiglia; come ultima cosa, abbiamo scritto i nomi e… prima di iniziare la nostra cena, li ho posizionati sulla tavola: carinissimi!

Tags : , , , , , , , , , , , , , ,

Cosa cuciniamo stasera? Devo dire che mi sono fatta un pò ispirare da una bellissima ricetta trovata in rete nel sito Dulcis in furno: carinissimo pupazzo di neve tutto da mangiare; certo, io non sono così abile e precisa ed inoltre ho messo qualche variante ma… l’importante è che i bambini si divertano e un loro sorriso vale di più di qualsiasi altra cosa. Questa ricetta è adatta a tutti soprattutto a chi ha poco tempo da dedicare i cucina e non servono nemmeno delle doti particolari anzi… Gli ingredienti sono pochi e di sicuro presenti sempre nel frigorifero: mozzarella, pomodoro e olive per i particolari. Basterà tagliare un pezzo di mozzarella per utilizzarlo come testa oppure se in casa avete sia la mozzarella grande che quelle piccolo, per la testa potrete utilizzare proprio una delle piccole; siccome io non le avevo, mi sono adattata: ho tagliato un pezzo di quella grande e l’ho appoggiato sopra al pezzo grosso. Lavo bene il pomodoro e lo svuoto di tutti i semini al suo interno per poi inciderlo in un lato e parirlo bene: servirà come cappotto per il nostro pupazzo e vado quindi a posizionarlo sopra la mozzarella proprio come se lo stesse indossando. Con un pomodoro più piccolo invece vado a creare il cappello: dopo averlo svuotato, lo posiziono sopra alla mozzarella piccola incastrandolo bene. E’ l’ora dei particolari: con le olive creo gli occhi e i bottoni mentre con un piccolo pezzetto di pomodoro, una bocca sorridente. Che ne dite? Un modo simpatico ma sbrigativo di preparare un secondo piatto per i nostri bambini: buon appetito!

Tags : , , , , , , , , , , , , ,

Ecco una simpatica ricetta inventata di sana pianta: ho guardato cosa ci fosse nel frigorifero e poi ho lasciato andare la fantasia. Mi è bastato pochissimo: pasta sfoglia, carotine bollite, prosciutto cotto e formaggio emmenthal e il resto l’ha fatto la fantasia. Il trucco è sempre quello di creare qualcosa che catturi anche la vista e così… mi sono fatta trasportare dall’immaginazione e ho creato delle gustose caramelle ripiene per stuzzicare l’appetito. 
Ho steso la pasta sfoglia e l’ho divisa in 4 parti uguali così da ottenere 4 caramelle; ho tagliato 4 pezzi di formaggio emmenthal e sopra ogni pezzo ho messo 2 carotine per poi avvolgere il tutto con il prosciutto cotto. A questo punto ho appoggiato il mio involtino nella pasta sfoglia e con le mani l’ho modellato la pasta sfoglia andando a formare una caramella chiudendola bene ai lati.

Ho infornato a 170° per circa 15 minuti e quando ho visto che la crosticina era bella croccante, ho sfornato; meglio servirli tiepidi altrimenti non si gusta a pieno il ripieno perché all’interno il formaggio si sarà sciolto e sarà bello caldo. Potrebbe essere una golosa e stuzzicante idea per un gustoso aperitivo mentre si guarda un film.

Tags : , , , , , ,

Vi ricordate l’utile attrezzo che vi avevo segnalato per creare aperitivi o panini, dolci o salati sagomati come dei puzzle e prodotto dalla Lunch Punch?

Bene, al compleanno del mio piccolo non ho fatto in tempo a fare le foto per mostrarvi le idee creative ma stasera… mi sono sbizzarrita nel preparare alcuni croccanti e gustosi mini-aperitivi. Mi ci è voluto pochissimo tempo perché è facile da usare, è più difficile avere idee da preparare… Come sagome ho usato il semplice puzzle così Simone si è divertito ad unirli fra loro per creare le varie forme; ho scaldato le sagome un pochino nel forno così da renderli croccanti e poi li ho semplicemente guarniti: mozzarella e pomodori, prosciutto cotto e maionese oppure prosciutto crudo e mozzarella. Insomma, qualcosa di simpatico prima di iniziare una cena mentre per qualcosa di dolce… passate domani dopo l’ora della merenda, farò trovare qualcosa di gustoso a Simone quando esce dall’asilo!

Tags : , , , , , , ,

  • DA VISITARE

  • PROSSIMAMENTE

  • SPONSOR

  • AFFILIAZIONI

  • INIZIATIVE SPECIALI

  • Io allatto alla luce del sole 4

  • Volantini digitali co2neutral

  • Segnalato da:

  • BBMAG

  • segnalato da pane, amore e creativita

  • Wikio - Top dei blog - Blog creativi
  • PARTECIPO A…