Articoli della categoria ‘Sport, corsi e benessere’

Finalmente oggi è iniziata la scuola: Simone non vedeva l’ora di poter rivedere le maestre e così oggi è inizato un nuovo anno scolastico; 10 mesi (giorno più, giorno meno) in cui ci sarà da studiare molto visto che andrà ad affrontare la classe 3. Nuove materie, nuovi libri con molte più pagine da studiare e quindi tanta curiosità riempiva la sua cartella questa mattina; ma non solo, questa settimana sarà l’inizio anche del nuovo anno sportivo che vedrà delle grandi novità… ce la faremo a seguire e portare avanti tutto? Leggi tutto

Tags : , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Impossibile non condividere con voi la gioia della prima partita di pallanuoto di Simone, pur trattandosi di un’amichevole. La gioia di Simone era immensa: l’attesa dell’arrivo dei suoi compagni; l’incarico di caricare il set di cuffie sul pulmino; il viaggio in pulmino con i compagni con le macchine dei genitori a seguito; la scoperta della nuova piscina insomma… un pomeriggio in cui vivere sulle nuvole. Leggi tutto

Tags : , , , , , , , , , , , , , ,

Che sport fanno i vostri bambini? Ma soprattutto, a quale età anno iniziato? Strano ma vero ma entrambi i miei maschietti non amano particolarmente il pallone e quindi niente calcio; tuttavia amano all’inverosimile l’acqua e quindi frequentano un corso di nuoto da quando anno 6 mesi. Trovo che far praticare ai propri figli uno sport sia costruttivo sotto tanti punti di vista oltre che far bene alla mente e al proprio fisico. Che ne pensate del rugby? Mi capita di vedere alcuni scorci di partita in televisione e trovo che sia un buon gioco di squadra però, pensandoci, non mi capita spesso di vedere dei campi dedicati e quindi ai bambini non potrà nascere la voglia di avvicinarsi a questo sport; che ne dite di provarci insieme nei prossimi week-end? Leggi tutto

Tags : , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Chissà perché noi mamma siamo sempre chiamate a far tutto, a fare sempre più cose e, a volte, anche nello stesso momento. Non abbiamo mica 100 mani… perché a noi viene sempre richiesto tutto questo? Si sa che la donna è un passo avanti rispetto all’uomo però è anche giusto che noi donne ci ricaviamo i nostri spazi. Lavoriamo, cuciniamo, ci occupiamo dei bambini, del marito e della casa e quando abbiamo del tempo per noi? In effetti se mi soffermassi a pensarci bene, non so dirvi se mi sento libera e tranquilla anche solo per andare in bagno perché di sicuro mi sentirei chiamare all’improvviso. Proprio per questo ho deciso di aderire all’iniziativa di Tena che mi ha invitata ad un Camp in cui potessi ricavarmi del tempo per me, solo per me dove giocare e mettermi alla prova. Leggi tutto

Tags : , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Ho ricevuto l’invito per partecipare ad un corso di primo soccorso pediatrico ed avendo 2 bambini, mi è sembrato opportunino partecipare. Trovo che queste iniziative servano sempre al proprio bagaglio e ancor di più quando di mezzo ci sono dei bambini ai quali… può sempre capitare di tutto, purtroppo! C’è da dire che sapere cosa fare come primo soccorso è utile per tutti, anche per gli adulti e proprio per questo anche quando lavoravo da dipendente, mi ero candidata per frequentare un corso di pronto soccorso: si spera sempre che un certo tipo di aiuto non debba mai servire ma… non si sa mai; è quindi utile farsi trovare pronti… SEMPRE!

Questo corso è organizzato in collaborazione tra Mamma&Lavoro e Mammeacrobate è rivolto non solo alle mamme ma anche ai papà, ai nonni, alle baby-sitter insomma a tutti coloro che hanno stretto contatto con dei bambini per poter prevenire e farsi trovar pronti in alcune situazioni di emergenza. Non sarà un corso nozionistico ma bensì improntato sulla conoscenza sanitaria di base in casi di emerganza domestiche o in attesa di soccorritori per casi più problematici.

Il programma svolto sarà così suddiviso:
Introduzione al corso
Organizzazione del 118 (pediatrico) a Milano
Ruolo del soccorritore “Laico”
Pediatric Base Life Support e la rianimazione nel bambino
Cosa fare e sopratutto cosa NON fare nell’emergenza
Le Patologie traumatiche nei Bambini
Manovre di disostruzione vie aeree
Dopo questa parte teorica ci sarà una parte di esercitazioni con manichini per praticare le tecniche spiegate durante le ore precedenti.
Il corso sarà tenuto dalla Dott.ssa Elena Pellegrinelli (Ortopedica e Traumatologa, lavora presso l’ICCS Città Studi Milano, certificata soccorritore 118, BLSD) e dal Dott. Francesco Luzzana (Chirurgo Toracico, lavora presso il Pronto Soccorso dell’ICCS Città Studi MIlano, ATLS Instructor, certificato PBLS e BLS-D).

Se volete maggiori informazioni o volete consultare il calendario per vedere le prossime date e iscrivervi, potete scrivere una mail all’indirizzo formazione@mammaelavoro.it

Tags : , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Ci siamo voluti dedicare un week-end di tranquillità e rilassatezza: ogni tanto ci vuole per rigenerarsi e cosa c’è di meglio delle terme? Niente. Abbiamo scelto Salsomaggiore, carinissima cittadina che offre diverse possibilità di soggirno; dopo aver cercato sul web abbiamo optato per il Centro termale Baistrocchi che offriva  a soli 57 euro per perona: 1 giorno di pensione completa con menù di piatti tipici e con una cena di gala al sabato sera+ trattamenti termali e del benessere. Il Centro Termale è un’antica struttura che offre diversi tipi di cure termali ma che dà la possibilità di fare un percorso benessere (ingresso a soli 17 euro) con hammam, sauna e piscine. La cosa positiva vista la grande affluenza è che qualsiasi trattamento viene prenotato in orari stabiliti quindi una volta che si entra non si trova tantissima gente, le vasche non sono piene ma ci si può rilassare in maniera completa.

Il nostro soggiorno: appena arrivati ci siamo registrati e siamo andati in camera per cambiarci ovvero per metterci il costume e l’accappatoio per andare a fare la sauna frigidarium che avevamo fissato per le 17,30. Davvero molto bella: una grande stanza di 20 m quadrati a stufa centrale dove abbandonarsi per eliminare tutte le tossine. Il consiglio è stato quello di fare prima la sauna con un tempo massimo di 15 minuti per poi entrare nel frigidarium dove è possibile fare la cascata di ghiaccio, rinfrescarsi con una doccia effetto nebbia al mentolo, rinfrescarsi le gambe con i getti d’acqua oppure provare l’ebrezza del secchio di acqua gelata. La cena di gala è stata MOLTO apprezzata: aperitivo di benvenuto con stuzzicheria assortita, risotto mantecato alla Giuseppe Verdi e fiocchi di pere e formaggio in salsa di gorgonzola, reale di vitello glassato al forno al barolo con patate rustiche alla contadina e torta della casa alla fiamma. Dire che ci siamo leccati i baffi è dir poco e per di più ogni persona aveva un biglietto con un numero perché a metà cena c’è stata un’estrazione a sorpresa: si poteva vincere un week-end per 2 persone che purtroppo non abbiamo vinto. La mattina seguente ci siamo recati alle 10 al centro termale perché avevamo il bagno turco: immersione in una nuovola di calore all’interno di un accogliente calidarium che favorisce l’apertura dei pori e la pulizai della pelle; il consiglio è quello di stare dentro un massimo di 5 minuti per poi uscire e fare una doccia o meglio una nebbia fredda all’essenza di menta per poi passare ad un massaggio rivitalizzante che ha effetto tonificante. Questo va fatto per 3 volte, all’ultima uscita si farà un altro tipo di doccia: ci si rilassa in una pioggia calda al sapore di maracuja per poi rilassarsi sulle comode sdraio gustandosi una tisana. Siamo poi andati alle piscine dove ci siamo fatti coccolare dall’idromassaggio. Unico trattamento in più che ci siamo concessi è stato il lettino nuvola di coppia: sembra di volare, ci si sente sospesi e fluttuanti proprio come su una nuvola; si è coccolati con massaggi leggeri addirittura sotto i piedi ed è fantastico il galleggiamento in acqua illuminata da colori tenui che favoriscono il rilassamento. Pur avendo speso poco, abbiamo avuto un trattamento a 5 stelle!

Tags : , , , , , , ,

Volete essere utili con la vostra esperienza e il vostro supporto a chi sta per diventare mamma? Da settembre potrete partecipare al 1° corso per poter diventare una DOULA per poter così dare il vostro aiuto e supporto alla neo mamma e alla sua famiglia ovviamente non come figura medica ma come supporto; potrete stare vicini alla donna dalle sue visite, al travaglio alla cura del bambino. Questo progetto è seguito dalla cooperativa Piccoli Passi e si tratta di un vero e proprio percorso quindi si studierà e si verrà a contatto con persone professionali come psicologi, ginecologi e ostetriche proprio per capire meglio in che modo si può essere utili alla neo mamma.
Come vi ho detto, si tratta diun vero e proprio corso quindi impegnativo a livello di studio e se volte avere maggiori informazioni visitate il loro sito dove troverete anche il modulo d’iscrizione, la descrizione dettagliata del corso e i costi.

Piccoli Passi
Via A. Costa, 37
Sesto San Giovanni (Mi)
Telefono: 0224412450
http://www.piccolipassi.net/site/

Tags : , , , , ,

E’ un corso per tutte le neo mamme che si vogliono mantenere in forma senza però perdere ore chiuse dentro a delle palestre faticando, sudando e magari pensando ai loro bimbi lasciati alla baby sitter o dai nonni; con questa lezione, che si svolge all’aperto, i bimbi possono stare con voi e divertirsi! E’ una lezione che si svolge con il passeggino: visto che per i primi anni di vita dei nostri cuccioli, è lo strumento per eccellenza che ci portiamo sempre dietro ovunque andiamo perché non utilizzarlo anche a nostro favore? Ecco qui che è stato creato questo corso di ginnastica: dedicato soprattutto alla parte degli addominali e delle gambe ma non si tralasciano nemmeno le braccia insomma, un programma completo.

Inoltre, per chi come me è istruttore di fitness (anche se non pratico più da un pò vista la nascita dei miei bimbi) è possibile partecipare ad un corso, sia teorico che pratico,  che permette poi di diventare istruttore e insegnare; per di più la MammaFit, dà la possibilità e l’aiuto di aprire un centro nella propria zona: perché non provare?

Tags : , , , , , , , , ,

Volevo condividere con tutte voi che state per divetare “mamma” questa bellissima canzoncina che ho imparato mentre facevo il corso di acquaticità; la splendida ragazza che ci seguiva ci ha insegnato questa breve canzoncina da canticchiare al nostro cucciolo ancora dentro di noi che piano piano lo cullavamo nella nostra pancia mentre facevamo lezione in acqua: semplice ma piena di tanto amore.

A è un anatroccolo che non sa volare
B è una banana ancora da sbucciare
C è una chitarra suonata con amore
D è un desiderio che nasce in fondo al cuore

E è un’emozione per un bel regalo
F è una farfalla che vola sopra un fiore
G è un gelato sapore di vaniglia
H non lo so, non so a chi assomiglia

I è un isolotto sperduto in mezzo al mare
L è un libro ancora da sfogliare
M è il momento in cui mi sei vicino
N mi ricorda il naso di un bambino

O è l’orsacchiotto per giocare insieme
P è la pianta che cresce dopo il seme
Q è il quadrifoglio trovato per la via
R è la rosa più bella che ci sia

S è il sogno che ti piace fare
T è il tesoro che ognuno vuol trovare
U è l’ulivo colore dell’argento
V che cos’è, cos’è se non il vento

Ultima fra tante ne rimane una
E di tutte quante è la più importante
Z come zucchero per il bimbo mio
Zucchero è l’Amore che ci voglio io.

Tags : , , , , , , ,

GRAVI-DANZA

Non ci avevo mai pensato e nemmeno fatto caso, ma in effetti è proprio vero, la parola stessa ci dice tutto. Proprio stamattina mentre ascoltavo una trasmissione televisiva mi sono soffermata ad ascoltare perché l’argomento trattato l’ho trovato molto interessante. Parlavano e presentavano un corso di danza del ventre per mamme che aspettano e… che grazia nel vederle muoversi!

Non è certo per via dei chili di troppo che chi aspetta deve avvilirsi o non piacersi più o, addirittura, non sentirsi più femminili come prima; nonostante i chili di troppo, è comunque possibile sentirsi agili e femminili basta scegliere con attenzione ciò che vogliamo fare e la danza del ventre può essere utile. Devo dire che mi spiace proprio averlo sentito solo adesso perché se l’avessi saputo prima… ci avrei fatto un pensierino!

Hanno fatto notare come lo stato interessante può ben conciliarsi con grazia e agilità e la danza del ventre, disciplina che anticamente era correlata ai riti della fertilità, può stimolare proprio lo sviluppo di queste qualità. Questa disciplina viene consigliata alle donne in attesa visto che il contatto con il corpo favorisce l’accettazione della pancia che cambia e aumenta la consapevolezza della trasformazione che sta avvenendo – così spiegavano –. Inoltre hanno anche fatto presente che favorisce i primi contatti tra la mamma e il bambino visto che con alcuni movimenti viene cullato e massaggiato. Vedendo i movimenti che facevano hanno anche spiegato che l’approccio a questa disciplina è diverso in quanto i soggetti sono mamme in attesa e quindi i movimenti sono più delicati, lenti e dolci. Anche qui come anche in altri corsi per gestanti, vengono fatti diversi esercizi di rilassamento. Altra cosa molto interessante è la tonificazione che viene fatta soprattutto nella zona del perineo che durante il parto è molto interessata proprio per questo alcuni movimenti, se utilizzanti nel momento del travaglio, potrebbero portare beneficio.

Insomma, a me è sembrato molto interessante e al tempo stesso molto particolare e curioso: pensiamo a noi stesse, al nostro corpo che non certo perché sta subendo una trasformazione deve essere rinchiuso in casa anzi… ben venga il pancione in vista!

Tags : , , , , , , , ,

Quando si diventa mamma, si iniziano a provare delle sensazioni nuove, forti, inimmaginabili e indimenticabili e giorno per giorno si provano esperienze sempre diverse tra loro. Già da quando si scopre di aspettare un bambino, ci si apre un nuovo mondo che si amplia quando il bambino nasce. Vorrei proporvi di continuare questa esplorazione e questo ampliamento di emozioni imparando a “massaggiare” il vostro bambino. E’ un’esperienza unica da condividere interamente con lui e imparando a conoscerlo ancora meglio.

E’ vero che esistono diversi corsi dove viene insegnata una tecnica di massaggio ma vi posso garantire che “massaggiare” il proprio bambino non è una tecnica, è un modo per stare insieme al lui, scoprire cosa gli piace e stimolarlo. Giorno dopo giorno lo proteggiamo, gli stimoliamo la crescita e lo sviluppo delle sue piccole parti e curiamo la sua salute insomma: CI OCCUPIAMO DI LUI! Dedicando qualche minuto al giorno o anche più momenti durante l’arco della giornata, abbiamo il privilegio di comunicare direttamente e intimamente con lui favorendo così il nostro legame e rafforzando così il rapporto genitore-bambino perché il massaggio non deve essere solo un momento magico per la mamma, anche il papà è giusto che condivida questa magnifica esperienza. E poi non è solo un piacere nostro, lo è anche per il bambino: il massaggio lo stimola e lo fortifica, lo aiuta a scaricarsi di tutte le tensioni accumulate dalle diverse situazioni della giornata e per questo, se fatto la sera, sollecita il sonno e lo rilassa o, ad esempio se effettuato sul pancino, lo aiuta  a prevenire o gli dà sollievo qualora soffra di coliche.

Vi starete chiedendo: certo, bellissimo tutto questo Serena, ma come farlo? Da dove partire? Come praticarlo? Ci serve qualcosa per massaggiarlo? Proprio perché non c’è bisogno di corsi ma solo di tempo da dedicargli e da dedicare anche a noi stesse, vi consiglio di leggere questo libro: Massaggio al bambino, Messaggio d’amore. A me è servito molto, l’ho letto durante la gravidanza e quando è nato Simone ho subito messo in pratica la lettura appena terminata ed è per questo che non servono corsi ma solo tanta, tanta buona volontà. Troverete tutto quello che vi serve sapere: da dove partire, che ambiente e che atmosfera creare intorno, su quali parti soffermarci e come scoprire cosa piace al bambino e tanto, tanto altro.

Buona lettura…

Tags : , , , , , ,

Quale modo migliore di divertirsi, giocando insieme e sperimentando quelle incredibili sensazioni che solo l’acqua sa regalarci? Io e mio marito l’abbiamo fatto ed è stato bellissimo, un’esperienza unica perché abbiamo scoperto così un modo nuovo e diverso di relazionarci con nostro figlio. 

Leggi tutto

Tags : , , , , ,

  • DA VISITARE

  • PROSSIMAMENTE

  • SPONSOR

  • AFFILIAZIONI

  • INIZIATIVE SPECIALI

  • Io allatto alla luce del sole 4

  • Volantini digitali co2neutral

  • Segnalato da:

  • BBMAG

  • segnalato da pane, amore e creativita

  • Wikio - Top dei blog - Blog creativi
  • PARTECIPO A…