Posts Tagged ‘maschere’

portadicarnevale

Vi ricordate le nostre porte decorate per Natale? Poteva forse mancare un’idea simile ma leggermente modificata sotto il tema di Carnevale? L’idea mi è venuta mentre stavo aiutando Simone in una ricerca sulle diverse maschere regionali; guardandole mi è venuto in mente che alcune si prestavano ad essere prese come riferimento per decorare le nostre porte di casa e così ci siamo divertiti un pò utilizzando del materiale di riciclo. Leggi tutto

Tags : , , , , , , , , , , , , , , , ,

Non so se anche da voi c’è stato il periodo dedicato alle cornicette, vi ricordate quei disegni che anche noi facevamo a scuola sul quaderno a quadretti? io mi ricordo che mi piacevano molto e mi divertivo a disegnarle e colorarle, una accanto all’altra e cercando di farle sempre precise. Anche simone è entrato in questo tunnel; la maestra di matematica spesso gli fa fare una riga di cornicette in fondo alla pagina e così si è appassionato tanto da… acquistare un libro totalmente dedicato. Leggi tutto

Tags : , , , , , , , , , , ,

In effetti non è sempre comodo andare in giro seguendo i carri con il sacchetto dei coriandoli tenuto in mano; spesso i bambini si stufano e ci consegnano il sacchetto pregandoci di seguirli in ogni loro movimento per poter prendere i coriandoli all’occorrenza. Devo dire che questa cosa non è tanto simpatica non perché non voglia seguirli anzi, però è scomodo: bisogna abbassarsi per tenere il sacchetto alla loro altezza, aprire e chiudere rischiando di romprere il sacchetto e far cadere i coriandoli insomma… un disastro! Leggi tutto

Tags : , , , , , , , , , , , ,

Carnevale si sta avvicinando e devo dire che quest’anno non ci stiamo proprio facendo mancare nulla: tante mascherine con materiale di riciclo, strane boccacce da indossare, baffi diversi per travestirsi e mentre i bimbi sono in attesa di vedere i loro vestiti di Carnevale finiti visto che li sto cucendo io, non poteva mancare una bella sfilata di moda con degli abiti di Carnevale davvero speciali: gentilmente offerti in prova da Imaginarium ecco qui alcuni modelli da poter comperare e indossare per un Carnevale… indimenticabile! Leggi tutto

Tags : , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Che divertimento… ora che i miei 2 bambini interagiscono sempre di più tra loro si stanno creando delle bellissime occasioni di gioco; non solo per quanto riguarda il gioco ma bensì anche per i lavoretti che ora possiamo divertirci a fare tutti insieme. Mentre prima alcune cose le evitavo quando c’era il piccolo Lorenzo per via della poca manualità e quindi cercavo di creare con lui cose più idonee alla sua età, ora posso tentare di osare certo… non prorpio in tutto ma oggi però lo abbiamo fatto. Leggi tutto

Tags : , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Quest’anno è un pò strano: siamo appena usciti dalle festività natalizie e già ci troviamo dentro al vortice del Carnevale, delle maschere da preparare, dei vestiti da indossare da dover scegliere e nonostante abbia un panettone ancora da terminare, sono già in vendita le chiacchiere: pazzesco come il tempo passi velocemente! Sta di fatto che tra meno di un mese ci sarà il Carnevale e sono ancora in alto mare: che costumi proporre ai bambini? Su quali personaggi puntare? Sarà il caso di affrontare il discorso del Carnevale e magari… giocandoci un pochino sopra! Leggi tutto

Tags : , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Avete voglia di trascorrere un pomeriggio in allegria insieme ai vostri bambini? Allora non potete mancare martedì 8 marzo dalle 15,30 al Garby, a San Colombano al Lambro che, per l’occasione del Carnevale e visto che i bambini saranno a casa dalle scuole, ha organizzato un pomeriggio di divertimento. I bambini potranno divertirsi nell’area giochi tra gonfiabili e tappeti elastici ma anche ballare con la baby dance o assistere agli spettacoli e se i bambini saranno mascherati… ci sarà ancora più da divertirsi. In più merenda gratis per tutti: grandi e piccini.

E non è finita qui perché Garby offre una doppia festa: essendo anche la festa della donna, a partire dalle 19,30 ci sarà una serata interamente dedicata alle donne con musica e cena; inoltre per le mamme che saranno lì dal pomeriggio, un gradito omaggio.

Tags : , , , , , , , , , , , , , , , ,

Ecco qui il nostro simpatico gioco di cui vi parlavo quando abbiamo conosciuto più da vicino le maschere in Italia. Dopo averne selezionate un pò, forse scegliendo tra le più famose, perché se avessimo dovuto farle tutte… era praticamente impossibile perché le tradizioni sono veramente tante. Insomma, dopo averle scelte e colorate siamo passati al vero divertimento: posizionarle al loro posto, nella loro giusta collocazione regionale, nella loro Regione in Italia; le ho così ritagliate, abbiamo preso la nostra bellissima cartina (che se volete potete scaricare italia) e con un pò di pazienza… siamo riusciti a posizionarle imparando così anche alcune nuove città e soprattutto capendo bene dove sono collocate nell’Italia: Simone ADORA l’atlante e io ADORO la geografia e i viaggi quindi, ci siamo trovati in perfetta sintonia. Nella foto qui accanto ne vedrete solo una parte perché ne sono molte quelle da inserire e tra l’asilo e i miei impegni di lavoro non so se faremo in tempo a finirla; siccome però trovo che sia un simaptico gioco e soprattutto educativo, l’ho voluto condividere con voi, provateci! Intanto, come aiuto, vi lascio l’elenco di queste prime maschere con relativa associazione regionale.
Arlecchino e Brighella sono di Bergamo, Balanzone di Bologna, Colombina e Pantalone di Venezia, Gianduia di Torino, Meneghino di Milano e Pulcinella di Napoli

Tags : , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Le maschere tradizionali sono molto belle, raffigurano dei personaggi tradizionali delle diverse regioni italiane ma… le conosciamo bene? Sappiamo associarle alla Regione a cui appartengono? Spesso NO ed è un vero peccato quindi ho coinvolto Simone in un piccolo gioco geografico: abbiamo stampato una cartina dell’Italia e, dopo diverse ricerche nel web ho trovato anche le più diffuse maschere tradizionalie così ci siamo messi a conoscerle un pò più da vicino.
Prima di parlare del gioco, conosciamo da vicino le maschere regionali; dopo aver stampato le maschere tradizionali, Simone si è messo a colorarle dettaglio dopo dettaglio; si è meravigliato dei tanti particolari che ogni vestito aveva e dei tanti colori che avrebbe dovuto usare per colorarle. Mentre lui colorava io ritagliavo le diverse sagome per poi imparare ad associarle alla regione a cui appartengono scoprendo dove posizionare alcune città che lui già conosceva come Bergamo o Bologna e imparando invece alcune nuove località mai sentite prima.

ARLECCHINO indossa un vestito di pezze colorate fermate da una cintura, pantaloni larghi e comodi, un cappellaccio sformato con pennacchio di coda di coniglio o una piuma e una maschera nera sugli occhi.
BALANZONE ha un cappello nero a larghe falde, toga lunga e nera, panciotto, pantaloni neri, merletto bianco sui polsi e, sul collo, un colletto di pizzo, calze bianche e scarpe nere con tacco; ha i baffetti all’insù e molto spesso tiene un libro sotto il braccio che completa la sua immagine.
BRIGHELLA indossa la giacca e i pantaloni decorati di galloni verdi e con scarpe nere con pon pon verdi; il mantello è bianco con due strisce verdi, la maschera e il cappello sono neri.
COLOMBINA indossa una cuffietta, un corpetto verde stretto in vita, con una profonda scollatura ed ampie maniche a sbuffo, la gonna arricciata a righe e rialzata sul davanti da un nastro di raso rosso, un grembiule bianco e scarpine bianche a punta con nastro rosso.
GIANDUIA indossa un costume di panno color marrone, bordato di rosso, con un panciotto giallo e le calze rosse.
PANTALONE indossa uno zucchetto, giubba e calzamaglia rossi, con babbucce e mantello nero.
PIERROT indossa larghi pantaloni di lucida seta bianca, lunga casacca guarnita di grossi bottoni neri, ampio colletto, papalina sul capo, volto pallido e triste, spesso, una lacrima gli scende sul viso.
MENEGHINO porta un cappello a tre punte e la parrucca con codino alla francese, una lunga giacca marrone, calzoni corti e calze a righe rosse e bianche.
PULCINELLA ha la gobba, porta un cappello a punta, una maschera nera con il naso adunco, un camiciotto e i calzoni molto larghi e bianchi; porta con sé un mandolino e le sue scarpe sono nere e lunghe con dei calzini rosa scuro.

Se volete far divertire i vostri bambini facendoli colorare o creando qualcosa insieme a loro, potete trovare le diverse maschere da scaricare nella sezione download.

Tags : , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Volete creare voi stessi un costume per Carnevale? Volete disegnare e avere tante idee per nuove maschere per i bambini? Volete sapere come creare alcune maschere divertenti riciclando materiali di recupero oppure organizzare feste in casa per i bambini? Ecco qui alcune letture utili.

CARNEVALE PER BAMBINI
Barbara Aldrovandi
Il Castello Editore
Ecco qua tante maschere e cappelli per un Carnevale all’insegna del divertimento e dell’allegria: machere di cavalieri, regine e principesse! Progetti semplici e allegri “a prova di bambino” per un Carnevale all’insegna del colore e del divertimento. Attraverso le spiegazioni dettagliate e i cartamodelli di ogni creazione, potrete realizzare un’infinità di oggetti con materiali di riciclo o facilmente reperibili. Non resta che provare dando libero sfogo alla vostra creatività e fantasia.

CARNEVALE IN MASCHERA
Barbara Aldrovandi
Il Castello Editore
Progetti semplici e allegri “a prova di bambino” per un Carnevale all’insegna del colore e del divertimento. Attraverso le spiegazioni dettagliate e i cartamodelli di ogni creazione, potrete realizzare un’infinità di oggetti con materiali di riciclo o facilmente reperibili. Non resta che provare dando libero sfogo alla vostra creatività e fantasia.

 

 

COSTRUIRE MASCHERE PER BAMBINI
Marlies Blanck
Del Borgo Edizioni
Pagine: 32
Tutte le feste, e non solo il carnevale, rappresentano una buona occasione per mascherarsi. In questo libro vengono proposte tante nuove idee che permetteranno ad ogni bambino di assumere le sembianze più buffe e disparate: una giraffa con un lungo collo, un elefante dalle grandi orecchie, un simpatico leone, una tigre, un orso, animali della fattoria e altro ancora. Con un piccolo aiuto e con materiale facilmente reperibile, come cartone, cartoncino, sacchetti e piatti di carta, i bambini potranno costruire le maschere anche da soli per iniziare subito dopo una divertente festa mascherata!

CARNEVALE. CREA I TUOI COSTUMI
Maité Balart
Tradotto da Maria Vidale
Edizione EL
Pagine: 36
Questo libro propone tante idee semplici e fantasiose per realizzare con le proprie mani bellissimi costumi e maschere originali. Con materiali facilmente reperibili e poco costosi (pannolenci, carta crespa, vecchie stoffe), assemblabili con la cucitrice o con la colla, ci si potrà travestire da fata Morgana, da prode cavaliere o da extraterrestre…

TANTE MASCHERE PER CARNEVALE
Ernestine Fittkau
DeIl Borgo Edizioni
Pagine: 28 + cartamodelli
Questo libro vi propone tante idee simpatiche ed originali per creare con le vostre mani maschere e cappelli di ogni sorta, che vi serviranno per accompagnare i vostri bambini nel magico mondo della fantasia: vichinghi e cavalieri medievali, spiriti dei boschi e delle acque, una folta schiera di animali e misteriosi oggetti volanti… Questo e molto altro vi aspetta in queste pagine!

 

DIVERTIRSI A DIPINGERE I VISI
Resi Girardello
Troll Libri
Pagine: 36
Ideale per imparare e realizzare figure adatte per Carnevale, feste, Halloween. Ci sono idee facili, altre intermedie e alcune complesse ma comunque adatto a tutti i livelli. Utile come esempio da mostrare ai bambini o alle mamme per far scegliere cosa dipingere.

CARNEVALE. PASSATEMPI E GIOCHI
Elisa Prati
Illustrato M. Rubino
Giunti Kids
Pagine: 48
Pongo e Tina hanno realizzato tanti giochi divertenti, che potrete fare da soli o in compagnia. Si può disegnare, colorare, completare, risolvere, cercare, trovare, contare, scrivere e giocare.

FILASTROCCHE DI CARNEVALE
Illustrato da A. Roberti
Giunti Editore
Pagine: 16
E’ arrivato il carnevale, scoppia come un temporale! Canti, balli e improvvisate fra una pioggia di risate! Con le maschere in tempesta tutto il mondo fa gran festa! Scoppia come un temporale, a¨ arrivato il carnevale! Per i più piccini le filastrocche di cernevale da ascoltare, riascoltare e imparare a memoria.

Tags : , , , , , , , , , , , , , ,

Questo week-end abbiamo giocato ai travestimenti, abbiamo provato alcuni vestiti di Carnevale del nostro papà e dello zio di quando erano piccoli che la nonna “Ella” ha gelosamente conservato: che risate che ci siamo fatti… il piccolo Lorenzo è stato il più buffo, si è fatto mettere addorsso di tutto, persino una gonna e una coroncina per rappresentare un angioletto, Simone, più pacato, ha dimostrato tutta la sua eleganza travestendosi da Arlecchino. Guardate un pò che carini…
PIERROT. Cucito a mano dalla nonna è stato creato da vecchi indumenti e già ai tempi nulla si buttava, tutto era utile. Alla maglietta sono stati applicati 3 pois neri al centro; il collarino è stato creato con un foular nero al quale è stato inserito un elastico per renderlo voluminoso e dietro lo si può facilmente chiudere con un bottone e in testa invece è stata creata una cuffietta nera in morbido tessuto.

ARLECCHINO. Sempre con l’utilizzo di indumenti dismessi la nonna ha cucito delle pezze colorate (verde, giallo, nero e fucsia) in forma di rombi sparsi sia sui pantaloni che sulla maglietta. La particolarità è il colletto creato con un pizzo e decorato anch’esso da un bordino degli stessi colori.

VARI. Allo spazio gioco, nell’angolo dei travestimenti, mi sono divertita con Lorenzo nel creare alcuni personaggi simpatici come l’angioletto creato con una gonna di pizzo bianco e una coroncina di piume bianche. Oppure il turista-viaggiatore creato indossando una camicia hawaiana, un cappellino e una borsa da mare; o ancora un simpatico cow-boy visto il cappello.

Tags : , , , , , , , ,

Volete creare delle simpatiche mascherine ma non avete idee? Vi piacerebbe ritagliare, incollare e colorare diverse forme di maschere per poi giocare a trasformarsi ma non sapete come fare? Non avete fantasia e ispirazione? Posso aiutarvi segnalandovi questo sito francese, Mitik, dove potete scegliere il kit che contine:
8 schede di cartone pretagliato (Charlie il cane, Corey il pollo, Leon il maiale, Daisy la mucca, Lupo il lupo mannaro, Gaspard la volpe, Max il Corvo, Ernest l’Orso)
8 lacci elastici di 27 centimetri
spiegazioni di montaggio (francese, inglese, spagnolo e tedesco)
Questa è la soluzione ideale per chi ha poco tempo e poche idee originali visto che il tutto è facilmente componibile senza aver bisogno di colla o forbici! Ogniuno può creare la maschera che più gli piace e basterà staccare e piegare i prestampati per poi unire i vari pezzi con le linguette presenti nelle piegature; basterà poi personalizzarle colorandole lasciando libero sfogo alla fantasia e si otterranno così maschere originali e uniche. Inoltre il cartone utilizzato è ricilato al 100% e riceverete una scatola di 36x27x0,8 centimetri al costo di 15 euro.

Tags : , , , , , , , , , ,

Tra poco sarà Carnevale e i bambini saranno a casa 2 giorni dall’asilo, che fare? Ho pensato di organizzare una piccola festa qui da noi facendo invitare a Simone qualche suo amichetto, di certo non tutta la classe! Ha subito apprezzato l’idea e così si è messo a pensare chi poteva invitare: Edo, Martina, Sofia, Daniel… Faremo una piccola festicciola dove i bambini giocheranno, faranno una bella merenda insieme e magari… visto che è Carnevale ci potremo anche mascherare, che ne dite? proprio da quest’idea e proprio perché il tema sarà il Carnevale, ho pensato di creare un bell’invito per la festa che servirà come promemoria per le mamme e come mascherina per i bambini.

Materiale: cartoncini colorati, forbici, colla e tanta fantasia.
Procedimento: la cosa principale è scegliere la sagoma della mascherina che vogliamo realizzare e per essere originali, ne sceglieremo di diverse forme così ognuna sarà diversa dall’altra. Una volta che abbiamo la sagoma, andiamo a riprodurla sopra il cartoncino e con l’aiuto del taglierino andiamo a togliere le parti che non servono in particolar modo i buchi degli occhi. Ora ogni maschera sarà diversa dalle altre quindi anche i procedimenti usati sono diversi. Iniziamo dalla più facile, quella azzurra e blu: basterà disegnare 2 sagome identiche: una sul cartoncino azzurro e una su quello blu. Una delle due la tagliamo a metà e la incolliamo sopra l’altra. Questa accanto secondo me è la più simpatica: la sagoma l’abbiamo disegnata sopra il cartoncino verde per poi contornare gli occhi con 2 stelle ritagliate nel cartoncino rosso così da risaltare molto e per decorazione abbiamo anche incollato delle piccole stelline gialle. Per una femminuccia abbiamo invece pensato ad una bella farfalla gialla decorata poi con pallini, stelle e righe di altri colori. A questo punto sul retro scriviamo un breve messaggio che ricordi il giorno e l’ora della festa e… BUON DIVERTIMENTO!

Tags : , , , , , , , , ,

Non sapete cucire ma vorreste fare voi il vestito di Carnevale per i vostri piccoli? Avete tante idee ma non sapere come realizzarle? Bhe allora seguite questo mio consiglio, acquistate uno splendido cappottino Farm Animal Sweaters e potete farlo sul sito www.totoknitsshop.com. Qui troverete una scelta di cappottini davvero invidiabili; a soli 35 euro potete scegliere fra diversi animali: pesce, maiale, gatto, topo, scimmia, leone o coniglio ma non è solo unidea per Carnevale. Sono così belli e in morbidissimo cotone che li utilizzerete anche nel tempo libero, per uscire in allegria; li trovate in diverse misure che vanno dai più piccoli ma che arrivano anche fino a 6 anni per i bambini che magari non amano molto travestirsi e con questo abbigliamento invece possono anche loro sfilare e… di classe! Trovate infatti anche dei semplici cappellini ovviamente fatti a mano e che rappresentano degli splendidi animali da indossare senza però dare troppo nell’occhio. Avete visto che particolari? Ovvio, le cose fatte a mano, con prodotti scelti e pregiati, è tutta un’altra cosa ecco perché ve li consiglio.

Tags : , , , , , , , ,

Quest’anno grande festa a Crema: la più importante manifestazione dedicata al Carnevale dei bambini compie 25 anni e di certo non possiamo mancare! Più di 600 volontari e circa 6 carri lunghi più di 16 metri che si muovono con meccanismi interni creati dagli artigiani, sfileranno lungo le vie del centro insieme a centinaia di mascherine.
Lo sapete che vengono usati circa 6 quintali di carta riciclata che viene incollata con farina e acqua per realizzare il rivestimento in cartapesta delle grandi maschere; per i meccanismi interni dei carri vengono invece saldati circa 7 quintali di ferro e per tutto l’interno lavoro, circa 40 artigiani volontari lavorano a partire dall’estate dell’anno precedente e per tutto l’inverno per riuscire a terminare in tempo i lavori e le realizzazioni. Tutto questo lavoro è però ricompensato dai tantissimi visitatori che ogni anno partecipano alle sfilate nei diversi giorni in cui la manifestazione si svolge. 
Alla manifestazione partecipano intere famiglie, grandi e piccoli; proprio i bambini vivono questa esperienza in prima persona travestendosi e mascheransdosi in allegria, lanciano tonnellate di coriandoli, divertendosi sulle giostre e sui gonfiabili in un’area a loro dedicata.

 

Quest’anno la manifestazione si svolgerà il 20 e il 27 febbraio e il 6 marzo; sfileranno 6 carri giganti con meccanismo interno così da stupire ulteriormente i bambini. A dar ulteriore movimento alla sfilata ci saranno diversi gruppi folkloristici provenienti da tutta Italia; per i bambini sarà presente “L’isola dei bambini” un angolo apposito dove si potranno divertire gratuitamente su gonfiabili oppure divertirsi guardando lo spettacolo dei burattini oppure ridendo in compagnia di un clown che regalerà anche figure con palloncini. Ci sarà anche un trenino, Beniamino, che trasporterà gli spettatori fra i carri dando la possibilità di vedere più da vicino la sfilata. Domenica 6 marzo ci sarà il gran finale dove verrà premiato il carro vincitore e alle 19 ci sarà lo spettacolo pirotecnico che chiuderà la manifestazione.

Il costo del biglietto intero è di 8 euro e 6 euro per il ridotto mentre i bambini fino ai 8 anni entrano gratuitamente. La manifestazione nei giorni stabiliti inizierà alle 14,30 e se volete avere informazioni telefonate al numero 0373256391 oppure scrivete una mail all’indirizzo carnevale.crema@libero.it
Altrimenti potete contattare direttamente il  Comitato Carnevale Cremasco, telefono 0373256391 o consultate il sito http://www.carnevaledicrema.it/

Tags : , , , , , , , , , , , ,

  • CONSIGLIATO

  • PROSSIMAMENTE

  • SPONSOR

  • AFFILIAZIONI

  • INIZIATIVE SPECIALI

  • Io allatto alla luce del sole 4

  • Volantini digitali co2neutral

  • Segnalato da:

  • BBMAG

  • segnalato da pane, amore e creativita

  • Wikio - Top dei blog - Blog creativi
  • PARTECIPO A…