Posts Tagged ‘lanciare’

Dopo aver visto un’amichetto che giocava con un pipistrello di plastica, Lorenzo mi ha chiesto: “mamma, lo voglio anch’io un pipistrello” e potevo forse non aderire alla sua richiesta? Direi di no anche se, ovviamente, mica l’abbiamo comprato, lo abbiamo fatto e realizzato noi con una carinissima idea che mi è venuta in mente proprio guardando la forma di quello strano pipistrello nero che il suo amico faceva svolazzare in giro. Leggi tutto

Tags : , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Dopo il divertimento di ieri all’aria aperta, oggi ci tocca stare in casa ma, non per questo, bisogna stare in pigiama tutto il giorno a guardare la televisione; giochi se ne hanno tanti ma è sempre bello ideare qualcosa di nuovo e magari… di simpatico! Mentre il piccolo Lorenzo dorme, mi faccio aiutare da Simone per realizzare un tiro al bersaglio così poi potranno sfidarsi e giocare lanciando delle palline di carta per fare più canestri possibili all’interno… di una buffa mela. Leggi tutto

Tags : , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

In effetti non è sempre comodo andare in giro seguendo i carri con il sacchetto dei coriandoli tenuto in mano; spesso i bambini si stufano e ci consegnano il sacchetto pregandoci di seguirli in ogni loro movimento per poter prendere i coriandoli all’occorrenza. Devo dire che questa cosa non è tanto simpatica non perché non voglia seguirli anzi, però è scomodo: bisogna abbassarsi per tenere il sacchetto alla loro altezza, aprire e chiudere rischiando di romprere il sacchetto e far cadere i coriandoli insomma… un disastro! Leggi tutto

Tags : , , , , , , , , , , , ,

Pomeriggio trascorso al parco e ci siamo divertiti un sacco a raccogliere le castagne “matte” ovvero quelle castagne che non sono da mangiare; sono così grandi e lucide che attirano l’attenzione dei bambini così gli ho concesso di raccoglierne un pò. Alla fine della giornata siamo arrivati a casa con un sacchetto COLMO di castagne, e adesso cosa ce ne facciamo? C’è sempre un’idea per tutto, questo gioco che andremo a fare l’avevo letto nel sito di Maggy qualche giorno fa e non ho potuto fare a meno di segnarmelo ed ecco qui che infatti ci troviamo a realizzarlo. Leggi tutto

Tags : , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Finalmente oggi è una bella giornata di sole così: seggiolino ben posizionato, caschetto in testa e… via per un bel giretto in bicicletta esplorando i dintorni del nostro piccolo paese, visitando i luoghi più amati da Lorenzo.

Fosse per lui trascorreremmo ore davannti alla “cascata“, così la chiama lui ma in realtà altro non è che una piccola diga aperta che regola il flusso dell’acqua nei canali d’irrigazione. Oggi siamo stati fortunati perché è colma e quindi la cascata che si forma è veramente bella: un sacco di acqua e tanta schiuma con tanti schizzi che, in alcune zone dove filtra il sole, formano anche un’arcobaleno di colori. Leggi tutto

Tags : , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Come narra la leggenda, il pozzo di San patrizio è un pozzo senza fine: qualunque cosa finisca lì dentro, non esce più! Può sembrare una cosa spaventosa ed invece noi l’abbiamo trasformata in un simpatico gioco da giocare in casa, all’aperto ma anche da poter portare sempre con noi visto che non è troppo ingombrante. Dobbiamo però procurarci tutto l’occorrente per creare sia il pozzo che… le monete da lanciarci dentro e quindi… cerchiamo l’occorrente così: prima lo prepariamo e prima possiamo giocarci.

Materiale: pennarello nero e giallo (di diverse tonalità), carta velina grigia, forbici.
Procedimento: per prima cosa creiamo le sagome da lanciare; essendo un pozzo, è più che normale lanciarci dentro delle monete e quindi disegniamo tanti cerchietti sopra un cartoncino giallo. Con un pennarello nero, andiamo a disegnare i dettagli rendendo ogni singolo cerchio il più simile possibile ad una moneta: potete farne il numero che preferite, più ne fate, più ne avrete da tirare. Ora andiamo a creare il pozzo. Prendiamo una ciotolina che abbiamo messo da parte: noi utilizzeremo qualle di uno yogurt; con la carta velina grigia ricorpiamo interamente il vasetto facendo in modo che la carta aderisca perfettamente. Il gioco è pronto: dividiamo tra i giocatori (si può giocare anche da soli ma in compagnia c’è più divertimento) le nostre monete in egual numero e a turno lanciamo le monete nel pozzo: chi ne inserisce di più… vince!

Tags : , , , , , , , , , ,

Che Cupido sarebbe senza le sue freccie dell’Amore? Ecco qui come poterle realizzare in breve tempo e con materiale di riciclo.
Basterà disegnare su un cartoncino rosa (o rosso visto che è il colore dell’Amore) un cuore e la punta di una freccia; piegate il cartoncino e tagliate le sagome otterrete così 2 cuori e 2 punte di freccia. A questo punto prendete uno stuzzicadenti di quelli lungi con cui di solito si cucinano gli spiedini e andate ad incollare la punta in corrispondenda della punta dello stuzzicandi così da coprirla interamente: basterà mettere una punta da una parte dello stuzzicandeti e l’altra dall’altra parte in maniera da chiudere nel mezzo lo stuzzicandenti. La stessa cosa fatela con il cuore che però andrete a posizionare nel centro dello stuzzicandeti: al cuore però, prima di incollarlo, create 2 taglietti nel centro così da far passare in mezzo lo stuzzicandete, in questo modo sembrerà proprio trafitto dalla freccia! A questo punto completiamo la freccia con delle piume colorate (se le avete altrimenti potete usare dei fili di lana o di altro materiale) che posizionerete nel retro, a chiudere la freccia. A questo punto le freccie sono pronte e potrete accostarle a Cupido che… potrà volare e colpire tanti cuori.

Tags : , , , , , , , ,

  • CONSIGLIATO

  • PROSSIMAMENTE

  • SPONSOR

  • AFFILIAZIONI

  • INIZIATIVE SPECIALI

  • Io allatto alla luce del sole 4

  • Volantini digitali co2neutral

  • Segnalato da:

  • BBMAG

  • segnalato da pane, amore e creativita

  • Wikio - Top dei blog - Blog creativi
  • PARTECIPO A…