Posts Tagged ‘Torino’

alliazstadium

Ultima tappa un pò particolare; non si tratta di nulla di avventuroso o di panorami mozzafiato. Ho pensato di realizzare il sogno del piccolo Lorenzo che da tempo guardando la sua squadra del cuore in TV diceva spesso “come mi piacerebbe vedere lo stadio dal vivo” ma non essendo vicino non ci eravamo ancora mai stati come invece possiamo fare con la squadra del cuore di Simone. E così visto che oggi dovevamo comunque lasciare la Valle d’Aosta, ho deciso di andare verso Torino per regalargli l’emozione di vedere l’Allianz Stadium. Leggi tutto

Tags : , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

La neve mi trattiene a casa anziché essere in giro ma ormai ho capito, impossibile per me decidere con anticipo una gita a Milano, il maltempo è in agguato! Ma non mi annoio di certo, Silvia ha ben pensato come rendermi la giornata allegra e ricca di spunti; vi ricordate il classico gioco nomi, cose e città? Tutti ci abbiamo giocato. La versione che ci propone Silvia è dedicata al Carnevale, momento di scherzi e di allegria e da qui nasce l’idea di provare una nuova versione di questo gioco. Pensate una lettera e… giocate con noi: a Carnevale ogni scherzo vale! Leggi tutto

Tags : , , , , , , , , , , ,

Sono emozionatissima, siamo a venerdì e mancano solo 2 giorni al battesimo di Arianna, la cuginetta di Simone e Lorenzo; sapete perché sono emozionata? Perché io sarò la madrina e mio marito il padrino quindi… sarà come avere una “figlioccia” in più e per giunta femmina! Partiremo domani e trascorreremo il week-end in casa con loro a Torino, dove abitano, e così i cuginetti potranno stare un pò insieme non solo con Arianna ma anche con Ilaria che di sicuro non vede l’ora di giocare con Simone e Lorenzo! Leggi tutto

Tags : , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Arriva la 6° edizione del festival GruVillage che quest’anno cambia veste: non ci saranno più i soliti appuntamenti settimanali bensì un cartellone più variegato con un’intera settimana dedicata al Jazz (dal 5 al 10 luglio), tutti i martedì sera dedicati al cabaret e tanti artisti e spettacoli misti fra loro durante tutto il periodo del festival che quest’anno avrà luogo dal 18 giugno al 6 agosto. Come ogni anno, il festival si svolgerà al gruVillage, uno spazio alle porte di Torino, nel punto verde di Shopville Le gru di Grugliasco; una vastissima area dove a dominare è il palco di 200 mq davanti al quale c’è un vastissimo spazio per poter ballare durante i concerti ma in grado anche di far godere in platea tutti gli spettacoli. Inoltre si potrà ascoltare anche in Radio su GRU RADIO (93.3 FM) o in streaming su www.gruradio.it e anche tramite un’applicazione gratuita su iPhone. Tutto questo è possibile grazie al centro commerciale Shopville Le Gru che è molto di più di un semplice centro commerciale, è un vero e proprio contenitore di cultura, spettacolo e intrattenimento e la realizzazione di questo festival ne è proprio la prova tangibile. Premiato da diversi enti nazionali e internazionali per la sua filosofia ovvero il trasformare il classico shopping center in un’area polifunzionale ecco perché è nato il festival estivo Gru Village e il Grulandia, un’intero spazio dedicato esclusivamente ai bambini, un parco divertimento.

L’edizione di quest’anno del Gru Village sarà un pò diversa dalle precedenti in particolare, non ci sarà più una divisione settimanale degli avvenimenti ma un susseguirsi, giorno dopo giorno, di appuntamenti sempre diversi tra di loro. Tutto il calendario completo lo trovare nel sito ma segnate alcune date tra le quali la rassegna interamente dedicata al Jazz che sempre più sta prendendo piede; addirittura mercoledì 6 luglio ci sarà Seal con la sua unica data in Italia. Oltre al Jazz ci saranno anche molti artisti che si avvicenderanno, italiani e stranieri come Emma, Giusy Ferreri, Marco Carta o gli OK GO. Sempre da tener presente sono i martedì all’insegna delle risate con spettacoli di cabaret: per festeggiare i 150° anni d’Italia sono stati scelti diversi artisti appartenenti alle diverse regioni italiane tra i quali Giacobazzi, Cacioppo, Made in Sud, Neri oltre ai celebri Panaeriello e Crozza. Per tutta la famiglia è invece dedicato lo spettacolo di Melevisione intitolato “Il mistero delle fiabe rubate“: chi avrà rubato le storie dei bambini? I protagonisti riusciranno a scoprire i ladri? Grazie a Milo, Cotogno, strega Varana, lupo Lucio, fata Lina e Vermio Malgozzo tutti i bambini trascorreranno del tempo immaginandosi e vivendo al tempo stesso una bellissima storia. Fosse per me acquisterei oggi stesso i biglietti, seguo sempre le avventure di questi personaggi in televisione tanto che anche Simone e Lorenzo si sono appassionati e spesso mi chiedono di vedere una storia di Melevisone.

Insomma, tanti spettacoli da non perdere per un’estate… ricca di avvenimenti!

Partage propulse par ebuzzing

Tags : , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Ecco qui il nostro simpatico gioco di cui vi parlavo quando abbiamo conosciuto più da vicino le maschere in Italia. Dopo averne selezionate un pò, forse scegliendo tra le più famose, perché se avessimo dovuto farle tutte… era praticamente impossibile perché le tradizioni sono veramente tante. Insomma, dopo averle scelte e colorate siamo passati al vero divertimento: posizionarle al loro posto, nella loro giusta collocazione regionale, nella loro Regione in Italia; le ho così ritagliate, abbiamo preso la nostra bellissima cartina (che se volete potete scaricare italia) e con un pò di pazienza… siamo riusciti a posizionarle imparando così anche alcune nuove città e soprattutto capendo bene dove sono collocate nell’Italia: Simone ADORA l’atlante e io ADORO la geografia e i viaggi quindi, ci siamo trovati in perfetta sintonia. Nella foto qui accanto ne vedrete solo una parte perché ne sono molte quelle da inserire e tra l’asilo e i miei impegni di lavoro non so se faremo in tempo a finirla; siccome però trovo che sia un simaptico gioco e soprattutto educativo, l’ho voluto condividere con voi, provateci! Intanto, come aiuto, vi lascio l’elenco di queste prime maschere con relativa associazione regionale.
Arlecchino e Brighella sono di Bergamo, Balanzone di Bologna, Colombina e Pantalone di Venezia, Gianduia di Torino, Meneghino di Milano e Pulcinella di Napoli

Tags : , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

La tappa di questa settimana per il gioco del Carnevale dell’Alfabeto è didecata alla lettera E per la quale abbiamo scelto la parola EGYPT=EGITTO. La scelta è stata decisa insieme fra me e Simone: io perché adoro quel mare e i suoi luoghi così misteriosi e Simone perché non solo si è fatta incuriosire dai miei racconti in merito alle Piramidi ma anche per poter ampliare la sua raccolta di bandiere aggiungendone una totalmente nuova.
Per prima cosa Simone ha voluto colorare la bandiera a strisce: rosso, bianco e nero con all’interno il disegno giallo. Ha voluto poi sapere cosa rappresentasse il disegno e allora ci siamo andati a documentare; il disegno interno, al centro, rappresenta un’aquila dorata detta Saladino con uno scudo nel petto e un rotolo di papiro che porta scritto, in arabo, il nome della nazione.
Proprio da questo particolare, il papiro, mi è venuto in mente un altro simpatico lavoretto da fare e da spiegare a Simone: visto che lui è sempre molto curioso e gli piace imparare cose nuove ho voluto spiegargli cos’è il papiro, dove nasce e a cosa serve. Gli ho così spiegaro che il papiro è una pianta con un fusto molto alto che può arrivare fino ai 2-3 metri di altezza; cresce nelle paludi dove c’è molta acqua ecco perché in Egitto, lungo il fiume Nilo se ne trova in abbondanza. Dal suo fusto si ricava il foglio di carta ma… come? Per spiegarglielo ho cercato di rappresentarlo con un disegno un pò schematizzato che lui poi si è divertito a colorare.

Per prima cosa si taglia il fusto in tante strisce sottili che poi vengono messe in acqua: vengono posizionate una vicino all’altra fino a formare la forma di un foglio e sopra viene poi sistemato un altro foglio sempre formato con le strisce una vicino all’altra ma questa volta sistemate in senso ortogonale rispetto alle recedenti. Le sostanze naturali contenute nella pianta permettono un incollaggio rapido e se compressi fra di loro i fogli daranno vita ad un foglio resistente una volta asciutto.
E adesso che sappiamo come ottenere un foglio? Bhe ho voluto far vedere anche come scrivevano visto che di certo non conoscevano ancora il nostro alfabeto ma bensì usavano i geroglifici. Ci siamo messi al computer e ho mostrato a Simone alcuni dei simboli che venivano utilizzati e devo dire che si è incuriosito molto nel vedere che anziché le lettere… disegnavano. Qual è stato il risultato? Eccolo qui: anche Simone ha voluto utilizzare un nuovo tipo di scrittura…

Alla fine di questa giornata trascorsa nel mondo dell’Egitto ho fatto una promessa a Simone perché l’ho visto MOLTO interessato: appena il tempo si sarà un pochino sistemato e non farà più così freddo, un sabato o una domenica prenderemo il treno, visto che a lui piace molto, ed andremo a visitare il Museo Egizio di Torino: qui si che ci divertiremo!

Tags : , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Il 23 dicembre è nata Arianna, una nuova cuginetta per Simone e Lorenzo. Non abitando vicino a noi, non siamo potuti passare a salutarla e conoscerla e nemmeno fare i complimenti a Laura e Alessandro, già mamma e papà di Ilaria; ho pensato così di mandargli un bel bigliettino originale accompagnato da un paio di calzini fatti interamente a mano, di colore bianco simbolo di purezza. realizzarlo è stato semplice ma è l’idea la parte forte: un carinissimo biglietto a forma di piedino. Per creare la forma che sia proprio simile a quella di un neonato per rendere quindi il biglietto il più credibile possibile è stato semplice perché quando i miei cuccioli erano piccoli, fra le varie “cose pazze” che una mamma può fare, c’è stata anche quella di tenere la prima impronta così da poter avere un ricordo anche da piccolissimi. Ho così ritagliato 2 sagome: la prima su un cartoncino rosa visto che la cicogna ha portato una bella bimba mentre la seconda su un foglio bianco; le ho incollate sovrapponendole da un lato così che si creasse una specie di ombra rosa da un lato. Ho poi incollato all’interno del pollice un cuore ritagliato dal cartoncino rosa per poi scrivere al centro del piedino il nome e la data di nascita mentre nel retro… un dolce pensiero per mamma e papà.

Tags : , , , , , , , , , ,

  • CONSIGLIATO

  • SPONSOR

  • AFFILIAZIONI

  • INIZIATIVE SPECIALI

  • Io allatto alla luce del sole 4

  • Volantini digitali co2neutral

  • Segnalato da:

  • BBMAG

  • segnalato da pane, amore e creativita

  • Wikio - Top dei blog - Blog creativi
  • PARTECIPO A…