Posts Tagged ‘lavoro’

parto1

Purtroppo non ho potuto partecipare dal vivo alla presentazione di questo libro ma non potevo certo non leggerlo; il tema mi interessa molto perché mi piacerebbe che i miei figli viaggiassero e imparassero non sole le lingue ma che provassero anche un’esperienza all’estero. Quindi mi sono dedicata un pò di tempo e qualche sera per leggerlo e ve lo consiglio, si possono predere degli spunti ma anche, per chi magari ha paure o timori, conoscere come affrontare questa situazione che ai nostri figli farebbe solo che bene. Leggi tutto

Tags : , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

mammekids

Dopo aver partecipato alla conferenza stampa di presentazione del nuovo progetto Mammekids Life & Technology pensato e ideato da Antonella Pfeiffer, una carissima amica, vorrei ricordarvi di segnare in calendario una data importante. Tenetevi tutte libere per l’11 e il 12 marzo per partecipare ad una 2 giorni incredibile. Leggi tutto

Tags : , , , , , , , , , , , , , , ,

Con l’arrivo della Befana, tutte le feste son finite e oggi si smonta l’albero, si depositano tutti gli addobbi negli scatolini e si ripongono tutte le statuine del presepe nella loro scatola per poi portare tutto in cantina fino al prossimo anno; ma non solo. Da domani tutto torna alla normalità: ci si alzerà per andare a lavoro, si ritorno a scuola e all’asilo e riprenderanno le attività sportive settimanali ma… siamo pronti? Per il lavoro bisogna solo prepararsi mentalmente ma per la scuola, abbiamo terminato tutti i compiti e preparato la cartella? Leggi tutto

Tags : , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Ne ho sentito parlare ma non ci siamo mai andati pur essendo vicino a casa nostra ma quest’anno… non potevamo saltare ancora, ero troppo curiosa di vedere dal vivo tante luci creare un’atmosfera incredibile. E così è stato. Descrivervi la casa di Babbo Natale sarà facile ma non renderà di sicuro la bellezza, l’atmosfera e la gioia dei bambini nel vederla; è vero che non si tratta certo dell’originale ma solo della bravura di un uomo, Massimiliano Goglio, che ha fatto diventare la sua abitazione meta di migliaia di visite all’anno per vedere la meraviglia delle luci che si accendono, ogni giorno, dalle 17 alle 22. Leggi tutto

Tags : , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Oggi è il 15 quindi e quindi va di scena la nuova puntata “Di Blog in Blog” e il tema di questo mese è “l’angolo della mia casa che amo di più“… e quale sarà? Non ci devo molto pensare perché mi viene naturale: è il posto in cui lavoro! Non perché sono devota al lavoro ma perché non essendo uno studio vero e proprio, ho tutto quello che mi serve intorno e quindi ogni comodità ed in più… è decorato con tutto quello che io ed i miei bambini realizziamo insieme quindi LO AMO. Leggi tutto

Tags : , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

 

Per le mamme che vogliono tornare a lavorare ed hanno bisogno di aiuto per orientarsi nel mondo del lavoro due professioniste, nonché mamme, Cecilia Spanu e Anna Zavaritt hanno creato “Moms@Work”. Si tratta di un progetto d’intermediazione tra le aziende e le mamme che offre servizi di consulenza ad aziende interessate al lavoro flessibile e recruitment per le mammme che sono alla ricerca. Leggi tutto

Tags : , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Anche oggi sono di fretta però voglio lasciarvi un lavoretto iper-veloce ma d’impatto visivo molto bello; si tratta di un cuore creato con la mano o meglio, con la parte laterale della mano. E’ veloce da realizzare, semplice e lineare, visivamente particolare ma… pieno d’amore.
Vi basterà fare un pungo con la mano, mttere del color rosso (colori per le dita) lungo il fianco laterale della mano e fare un’impronta su un foglio bianco: in questo modo avrete realizzato metà cuore. Lo stesso procedimento fatelo con il pungo della mano opposta e quando andrete ad imprimere l’impronta, fatela attaccata alla precedente: ecco qui il vostro cuore.
Consiglio: quando mettete il colore sul dorso della mano, non stendetelo o liscitelo, è bello se viene anche più ricco di colore in alcuni punti.
Consigli d’utilizzo: potete creare un simpatico bigliettino e se il bambino che lo regala è piccolo basterà aggiungere il suo nome mentre se il bambino è più grandicello potete fare il cuore su un foglio piegato a metà così che all’interno lui possa scrivere un suo pensierino. Oppurepotete fare come abbiamo fatto noi: con degli stecchini del gelato abbiamo creato una cornice a forma quadrata e abbiamo così creato un mini quadretto; questo potrà essere appeso oppure semplicemente appoggiato sulla sua scrivania.

Tags : , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Ecco qui l’inizio del mio lavoro con il tricotin che giusto qualche giorno fa ho creato con il DAS e del quale sono molto soddisfatta. Questa volta voglio ringraziare Vannalisa del sito Meli-melo che ha scritto un post dettagliato su come iniziare un lavoro con il tricotin e devo dire che è veramente dettagliato e funziona, si capisce benissimo al primo tentativo come fare, come muoversi e come districarsi ecco perché ho deciso di riportarvelo qui passo dopo passo.

Per prima cosa procuriamoci del filo di lana (o di altro materiale a vostra scelta), il tricotin e un ago da lana (o un uncinetto); infiliamo il filo nell’ago, facciamo un nodo non troppo stretto e inseriamo l’ago nel foro superiore del tricotin. L’ago fungerà da peso e farà scivolare più agevolmente il filo all’interno del tricotin. Una volta spuntato l’ago dal foro inferiore, sciogliamo il nodo e sfiliamo l’ago: lasciate un po’ di filo all’estremità.  Ora possiamo iniziare a lavorare: avvolgiamo il filo intorno al primo gancio, ruotiamo il tricotin di 1/4 di giro verso sinistra e passiamo il  filo intorno al secondo gancio; ruotiamo di un altro quarto e avvolgiamo il terzo gancio; ruotiamo ancora e passiamo il filo sull’ultimo gancio.

Sempre dopo aver ruotato il tricotin di un quarto di giro, appoggiamo il filo all’esterno del gancio e con il grosso ago di legno prendiamo la maglia sottostante e solleviamola per accavallarla sul gancio. ATTENZIONE: nel compiere questa operazione stiamo attenti a non sfilare le maglie dai ganci. Ruotiamo di un altro quarto di giro e proseguiamo lavorando sul secondo gancio, come già spiegato sopra. Più si procede più il lavoro comincerà a fare capolino dal foro inferiore del nostro attrezzino; per evitare che il cordino venga “lento” o che “scappino” le maglie dai ganci, ogni tanto tiriamo il filo che abbiamo lasciato penzolare dall’estremità inferiore della caterinetta. A vostra scelta decidere quanto farlo lungo e una volta giunti alla dimensione desiderata, lasciando un po’ di filo, tagliamo.

Come chiudere il lavoro? Infiliamo il filo appena tagliato nell’ago da lana e infiliamo ogni singola maglia appesa ai ganci; una volta raccolte le 4 maglie tiriamo un po’ il filo e sfiliamo il cordino dal tricotin e stringiamo ancora un po’ in modo da ottenere un’estremità ben chiusa e compatta. A questo punto il nostro cordino è pronto ci serve solo un’idea creativa per abbinarlo ma per questa dovrete aspettare i prossimi giorni, a presto!

Tags : , , , , , , , , , , , ,

Da poco si è concluso Lo zecchino d’oro, gara canora dedicata ai più piccoli dove ci sono sempre della canzoni stupende che vengono rese ancora più belle dalle voci dei bambini che le cantano. Quest’anno l’abbiamo seguito molto perché i miei 2 bambini adorano la musica e quindi si sono messi volentieri sul tappeto della sala ad ascoltare queste bellissime canzoni. Fra tutte ce n’è piaciuta uno che fra l’altro ha anche vinto, la canzone “il contadino” cantata da Giovanni Pallizzari e con testo e musica di L. Saccol. E’ una canzone carinissima in più tratta di un lavoro “il contadino” che per noi è una figura importante; vivendo in aperta campagna conosciamo bene questa figura che, agli occhi di molti può sembrare un lavoro da poco ma che in realtà nasconde dietro tanto lavoro e tanta fatica. Vi lascio il testo della canzone da scaricare così potrete leggerla con calma intanto, vi lascio qui il ritornello:

CORO:
Non ti cura come fa il dottore,

Non insegna, non è professore,
Non fa conti sulla scrivania,
SOLISTA:
Non è un gioco la sua fattoria.
CORO:
Non controlla come l’ispettore,
Non dirige non è direttore,
Ma sorride con calore
SOLISTA:
Io da grande vorrei fare come lui!

Tags : , , , , , , ,

Domani è il 1° maggio, che facciamo? Qualcosa dobbiamo inventarci e così sono andata un pò a curiosare in giro e… qualche idea l’ho trovata. Diciamo che ne ho trovate diverse, 1 però l’ho già realizzata prendendo spunto da ciò che ho visto in giro e sono subito andata a creare per voi un file che potete scaricare.

Fondamentalmente domani è la festa del lavoro, quanti lavori conoscono i nostri bambini? Di solito è un argomento che li incuriosisce parecchio e quindi mi sono detta, proviamo a vedere quante ne sanno. Ho messo insieme 2 cose che dovrebbero incuriosirli molto e cioé le lettere e i mestieri (che accoppiata!) e così ho creato questo file/tabella diviso in 3 colonne: in 1 le lettere dell’alfabeto, nell’ultima i mestieri e… in mezzo il vuoto così che i vostri bambini possano divertirsi ad indovinarli e con il vostro aiuto anche scriverli; ho preferito mettervi i disegni in bianco e nero così, se vogliono, possono anche colorarli e… gli stessi disegni a breve li troverete anche in un altro post che sto cercando di terminare… a presto!
Ecco qui il file da scaricare, buon divertimento: mestieri

AIUTO…
Sapete che non ho trovato un lavoro che inizi per Q e per U? Se qualcuno ha qualche suggerimento… ben venga, grazie

Tags : , , , ,

  • DA VISITARE

  • PROSSIMAMENTE

  • SPONSOR

  • AFFILIAZIONI

  • INIZIATIVE SPECIALI

  • Io allatto alla luce del sole 4

  • Volantini digitali co2neutral

  • Segnalato da:

  • BBMAG

  • segnalato da pane, amore e creativita

  • Wikio - Top dei blog - Blog creativi
  • PARTECIPO A…