Non ho avuto molto tempo a disposizione ma quando qualcosa mi coinvolge in maniera totale… mi ci butto a capofitto e per di più, chissà come mai, le idee mi arrivano anche più in fretta di quando invece ho molto tempo a disposizione. Di cosa sto parlando? Dell’organizzare l’open day alla scuola elementare per tutte le classi; divertente e molto coinvolgente ma non facile anche perché non conosco bene tutti gli alunni e quindi le loro capacità e per di più avendo a che fare anche con i genitori da gestire… non si sa mai. Non mi sono tirata indietro, ho osato e cercato di programmare qualcosa che potesse essere coinvolgente per i bambini e per i genitori e devo dire che… ha avuto un gran successo!

L’idea degli insegnati era quella di far interagire i genitori con i propri figli, fargli vivere un pò la scuola e nello stesso tempo cercare di abbellire qualche locale come ad esempio la biblioteca o la mensa che, in effetti, sono un pò spogli. Dopo aver pensato a qualcosa di coinvolgente e adatto ad ogni classe, sono andata da loro in diversi orari per mostrargli il laboratorio che poi realizzeranno insieme ai genitori perché all’open day, saranno loro gli insegnanti.
Per la biblioteca mi si è accesa subito una lampadina: leggere, colori, favole, storie, fantasia… tutto ciò mi ha portato a pensare di realizzare degli aquiloni da poter appendere alle pareti bianche, delle nuvole con mongolfiere e uccellini da far scendere dal soffitto e lasciarli liberi di muoversi nello spazio. In questo modo i colori avranno il sopravvento perché i bambini avranno la possibilità di realizzare tutte le sagome nei colori che preferiscono utilizzando cartoncini colorati; potranno anche liberamente scegliere se appendere i loro lavori alla parete o lasciarli scendere dal soffitto: la libertà totale visto che il lavoro è il loro ma soprattutto il locale biblioteca dove trascorrono ore di letture è loro e quindi deve essere come loro desiderano. Questi lavoretti che creeranno in 3D li ho pensati per la classe quarta e quinta che di sicuro hanno una manualità più avanzata e devo dire che sono stati degli ottimi insegnanti nei confronti dei genitori, il risultato è stato bellissimo.

Per le altre 3 classi ho pensato alla mensa: mi piacerebbe creare una specie di picnic all’aperto dove i bambini si possano sentire liberi come quando si fa una gita e si mangia all’aria aperta; magari, in questo modo, anche il mangiare sembrerà più gustoso! La classe terza realizzerà dei fiori partendo da un rotolo di carta igienica: lo taglieremo in 3 parti, disegneremo dei petali e delle foglie per poi tagliare la parte in eccesso e colorare la rimanente; non devono essere precisi perché ogni fiore deve essere diverso dall’altro non solo per colore ma anche per forma. Due parti saranno usate per i petali che potranno essere disegnati a piacere, mentre una parte rappresenterà le foglie esterne; per lavorare meglio tutte le parti le apriremo a metà ma quando andremo ad assemblare il fiore, la parte esterna, quella delle foglie, verrà fissata con un punto metallico mentre le altre due verranno semplicemente arrotolate e incastrate l’una nell’altra per poi appendere ogni singolo fiore, sopra un bel prato verde realizzato in carta cresta semplicemente tagliuzzando con una forbice sia sopra che sotto.

In seconda? Per loro ho pensato alla parte superiore del bellissimo prato fiorito, non vorremmo mica lasciarla bianca… Sempre con i cartoncini colorati, realizzeranno delle coccinelle in 3D da appendere al muro in maniera che sembrerà che volino di fiore in fiore ma non solo; realizzeranno anche delle farfalle bicolore incastrando una sagoma dentro l’altra utilizzando per l’esterno dei cartoncini colorati e per l’interno della carta da giornale. Alcune di queste potranno poi essere appese ad un filo facendole scendere dal soffitto e altre alternarsi alle coccinelle facendo così un bel contrasto di colori.

Con i bambini di prima realizzeremo un grande albero di frutta; quando sono andata da loro a mostrargli il lavoro sono rimasti entusiasti della tecnica che gli ho presentato: riempire la frutta colorando con i pennarelli ma… a puntini! E’ stata una novità ma in confronto alla sorpresa che avranno durante l’openday non è nulla: porterò loro un nuovo modo per colorare e dipingere e, sempre con i puntini, ci divertiremo un mondo e ci sporcheremo anche coinvolgendo anche tutti i genitori. Sono sicura che i bambini rimarranno a bocca aperta ma per questo… vi lascio un pò di suspance dopo tutto si tratta della MIA classe visto che anch’io parteciperò attivamente all’openday con Simone quindi vi darò i dettagli nei minimi particolari ma… più tardi!

Tags : , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Categories : Idee creative, riciclo materiali

0 Commenti








  • CONSIGLIATO

  • PROSSIMAMENTE

  • SPONSOR

  • AFFILIAZIONI

  • INIZIATIVE SPECIALI

  • Io allatto alla luce del sole 4

  • Volantini digitali co2neutral

  • Segnalato da:

  • BBMAG

  • segnalato da pane, amore e creativita

  • Wikio - Top dei blog - Blog creativi
  • PARTECIPO A…