Posts Tagged ‘economico’

firenze7

Dopo aver trascorso 2 giorni a Firenze tra la Galleria degli Uffizi e le numerose scale per visitare l’immensa Cupola e il maestoso Campanile non voglio soffermarmi oltre perché cadrei nel banale; potrei dirvi solo la mia versione, la mia visuale di Firenze ma non sono certo qui per farvi da guida, 2 giorni non bastano certo per vedere questa bellissima città. Ho quindi pensato di darvi qualche suggerimento su dove poter mangiare un’ottima fiorentina, su dove soggiornare comodamente a pochi passi da piazza del Duomo e… qualche golosità a cui non potrete dir di no. Leggi tutto

Tags : , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Realizzare bigliettini di Natale fai da te è la cosa che preferisco; mi piace un sacco pensare alla persona che lo deve ricevere e cercare qualcosa di appropriato da realizzare. L’idea di oggi è realizzare un semplice anzi, semplicissimo bigliettino natalizio con l’immagine di Babbo Natale, personaggio tipico che quindi sarà di sicuro apprezzato da chi lo riceve ma che lascerà a bocca aperta per come sarà realizzato. Cosa serve? Un semplice cartoncino bianco… Leggi tutto

Tags : , , , , , , , , , , , , , ,

Ho trascorso un venerdì mattina MOLTO intenso, sono stata a La Luna Nuova, centro per la preparazione al parto ma che segue le mamme anche dopo il parto con esperte al loro servizio per diverse attività. Io sono andata perché invitata alla presentazione dei pannolini lavabili organizzata da Mamma Angelina in collaborazione con La Luna Nuova; da poco hanno deciso di organizzare degli incontri per le mamme per illustrargli questo prodotto che segue in pieno le idee e la mentalità del centro stesso che si basa appunto su principi naturali prima della nascita e ma anche dopo. Ho avuto così la possibilità di consocere diverse mamme chi al primo figlio e chi invece al secondo o al terzo e vedere la loro curiosità nei confronti di questo prodotto; la presentazione è iniziata con un discorso generico riferito ai pannolini lavabili per poi entrare nei particolari quando le mamme hanno iniziato a porre domande e quesiti. La cosa più giusta mi è sembrata quella di riportarvi le loro domande e le relative risposte così da poter aiutare anche voi che magari state pensando e valutando la possibilità di utilizzare i pannolini lavabili ma avete ancora qualche dubbio.

– Perché usare i pannolini lavabili piuttosto che gli usa e getta?
I motivi principali sono 3: sicuramente un fattore economico visto che in media con gli usa e getta la spesa per un bambino è di circa 5000 pannolini (dalla nascita al vasino) ovvero 1500 euro mentre con i lavabili la spesa non va oltre gli 800 euro (a seconda dei modelli scelti) ed inoltre possono essere riutilizzati per più bambini. Altra cosa è il fattore benessere: di sicuro il bambino con i pannolini lavabili rimane a contatto con fibre naturali che fanno respirare la pelle del bambino così che non si incorra in arrossamenti o irritazioni della pelle. In ultimo c’è un fattore di tutela ambientale basti pensare che gli usa e getta non sono biodegradabili e ci impiegano centinaia di anni prima di essere smaltiti mentre invece i lavabili sono biodegradabili al 100%.
– Come si lavano questi pannolini?
Tranquillamente in lavatrice senza l’utilizzo di candeggina o ammorbidente, basta il semplice lavaggio che effettuate ai capi d’abbigliamento del bambino. Per chi avesse l’asciugatrice è possibile anche asciugarli senza rovinarli.
– Visti alcuni modelli, vengono usati anche in estate?
Certamente, i pannolini lavabili sono fatti in materiale traspirante, quindi la pelle del bambino respira di più rispetto a quando indossa gli Usa & Getta. Meglio preferire le fibre naturali d’estate, come il cotone.
– Come vengono venduti? Esistono delle confezioni?
Non esistono dei pacchi ma vengono venduti singolarmente in questo modo si possno acquistare i diversi modelli per capire meglio le esigenze del bambino.
– Che modelli esistono?
Ci sono diversi modelli fra i quali scegliere. Tuttoinuno il modello più facile, basta solo indossarlo; è dotato di un sistema di chiusura a velcro o con bottoni e contiene già gli inserti assorbenti; sono venduti sia nelle diverse taglie (quindi segue più da vicino la crescita) sia in taglia unica. C’è poi il Pocket venduto in taglia unica regolabile; è formato da un rivestimento impermeabile ed una tasca dove vanno inseriti le parti assorbenti. Esistono poi i Prefold da utilizzare come mutandina copri-pannolino; con questo modello si cambia solo la parte interna mentre la mutandina può essere riutilizzata per più cambi ovviamente se non si è sporcata o bagnata. La mutandina è molto veloce da asciugare e quindi servono più cambi interni rispetto al numero di mutandine; di questo modello esiste anche un kit che contiene 18 pannolini lavabili, 1 gancetto, 1 confezione di teli biodegradabili, 2 inserti in microfibra e 3 mutandine impermeabili. 

 

– Che accessori servono in aggiunta?
A seconda del modello che viene scelto ci sono diversi accessori che si comperano a parte: gli inserti assorbenti che vengono messi all’interno delle mutandine e assorbono; questi si lavano tranquillamente in lavatrice. Ci sono poi i telini cattura “cacca” che servono come maggior protezione e permettono una miglior raccolta e una maggior pulizia. Potete anche acquistare la wet bag ovvero una sacca impermeabile dove inserire le varie parti da lavare in caso non vogliate lavarli subito, oppure durante i viaggi.
– Gli asili nido li usano?
Diciamo che nelle piccole realtà, più in periferia, i nidi si sono mossi e li stanno usando forse anche per la richiesta più assidua dei genitori mentre nelle città più grandi, ad esempio le metropoli, non si è ancora entrati nell’ottica ma di sicuro tutto sta nella richiesta da parte dei genitori.

Insomma, spero di esservi stata utile e abbastanza esaustiva riportandovi le domande che sono state poste ma se avete ancora qualche dubbio… non esitate a chiedere, una risposta è sempre pronta! Se poi volete vedere i pannolini lavabili dal vivo potete fare un salto nel negozio di Mamma Angelina a Milano e vi potrà consigliare sui vostri acquisiti.

Tags : , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Mentre facevo la “scorta” settimanale per la mia piccola peste, mi è caduto l’occhio su un nuovo espositore presente nel negozio dove vado abitualmente; da buona osservatrice mi sono quindi soffermata a curiosare e… bhe devo dire che ho trovato delle cose interessanti una fra queste è THE POP-IN, il pannolino ecologico. Devo dire che mi ha incuriosito molto questo prodotto: rispetta l’ambiente, evita sicuramente le irritazioni da pannolino e fa risparmiare così mi sono detta: “a casa curioso un pò per saperne meglio” ed eccomi qui a condividere con voi ciò che ho scoperto. In effetti è economico perché ho trovato sul sito dei conti e… in effetti: dicono che nei primi 2 anni di vita per ogni bimbo si vanno ad utilizzare circa 5000 pannolini (miseria!) invece con Pop-in ne bastano solo 20 quindi parlando di soldi dovremmo risparmiare circa 1.500,00 euro con questo pannolino lavabile e quindi riutilizzabile. Sempre documentandomi, il pannolino è anche una vera e propria mutandina sempre su misura in base alla crescita del bambino visto che è dotato di bottoni e di fasce di velcro che permettono di regolarne la taglia; tral’altro è tutto in morbida spugna di bambù ed è stato creato in 5 delicate tonalità. E’ facile da usare in quanto è come un normalissimo pannolino solo che è tutto naturale e, al suo interno, si può posizionare una salvietta biodegradabile (ovviamente!) così da rendere più semplice, più veloce e più igienica la pulizia dalla pupù. Hanno pensato proprio ha tutto: pensate che per la notte, quando i bambini accumulano più pipì in quanto non sempre ci si sveglia solo per cambiarli anzi… se si ha la fortuna che dormono bhe lasciamoli dormire! Ebbene, per la notte basta aggiungere il triplo strato e così sono garantite notti asciutte. Ovviamente è ecologico visto che si va a risparmiare sulla produzione di rifiuti giornalieri in quanto è riciclabile; si risparmia anche sui detersivi perché essendo in spugna di bambù, non c’è bisogno di usare candeggina o ammoniaca perché questa spugna più si lava e più diventa morbida e quindi si riduce anche lo spreco di prodotti inquinanti. Proprio questa spugna di bambù, che è una fibra antibatterica naturale,  protegge dalle irritazioni e garantisce ottima assorbenza.
Se volete documentarvi anche voi: http://www.danpete.it

Dimenticavo: per le altre “cose curiose” che ho visto nell’espositore… bhe tornate domani e ne troverete un’altra!

Tags : , , , ,

  • CONSIGLIATO

  • PROSSIMAMENTE

  • SPONSOR

  • AFFILIAZIONI

  • INIZIATIVE SPECIALI

  • Io allatto alla luce del sole 4

  • Volantini digitali co2neutral

  • Segnalato da:

  • BBMAG

  • segnalato da pane, amore e creativita

  • Wikio - Top dei blog - Blog creativi
  • PARTECIPO A…