laghigemelli

Dove trascorrere un Ferragosto perfetto? In alta quota: tra pascoli e natura incontaminata, il silenzio della natura, una lunga e faticosa salita che però ripaga quando arrivando in cima si vede la meraviglia che il panorama offre e immancabile un pranzo con ottimo cibo in un rifugio. Tutto questo lo si può fare in Val Brembana, con una lunga e faticosa camminata che porta al Laghi Gemelli ma che ne vale in pieno la fatica.

Per chi ha bambini abituati a camminare non troverà nessuna difficoltà, lungo il percorso ne ho incotrati diversi e devo dire davvero coraggiosi; non è una camminata impossibile anche se ovviamente la fatica la si sente, non lo nascondo. Ma una volta arrivati in cima posso garantirvi che scompare tutto, persino il fiatone, perché la vista dei Laghi Gemelli è davvero mozzafiato. Ma facciamo un passo indietro…
Per raggiungere i Laghi Gemelli ci sono diversi sentieri; noi siamo arrivati in auto fino alle Baite di Mezzeno raggiungibile da Roncobello e proseguendo fino alla fine della strada dove per altro l’ultimo pezzo fino alle baite è a pagamento (2 euro per tutto il girono). Lasciata l’auto si inizia subito a prendere quota prima in mezzo ad un folto bosco poi al bivio si prende il sentiero sulla destra (a sinistra si sale ai Tre Pizzi) fino ad arrivare la Baita delle Foppe dove abbiamo incontrato un bel pascolo di mucche e non vi nascondo che… in quella baita ci sarei rimasta volentieri.

laghigemelli1

Dopo una sosta sia per recuperare il fiato sia per riempire di acqua fresca e limpida le nostre bottiglie ci siamo rimessi in cammino perché ora a vista arrivava la parte più ripida: di fronte a noi una salita che dai 1933 metri qui alla baita ci dovrà portare ai 2142 metri del Passo del Mezzeno. Davvero ripido questo ultimo pezzo ma non appena arrivati in cima… il panorama che si apre e che mostra i Laghi Gemelli è davvero strepitoso.

laghigemelli2

A questo punto non rimane che scendere per il sentiero, costeggiare i pascoli fino ad arrivare al Rifugio Laghi Gemelli dove ovviamente ci fermiamo per il pranzo gustando ottimi piatti e ci riposiamo un pò.

laghigemelli3

Dopo pranzo ci siamo fatti una passeggiata lungo il ponte che costeggia la parte finale dei laghi fino ad arrivare sulla sponda opposta e godere del panorama per poi… purtroppo riprendere il cammino a ritroso verso la via di casa. Ma a sorpresa, ad attenderci in cima al Passo di Mezzeno, dopo la faticosa salita, abbiamo trovato un camoscio, una vera sorpresa che si sia fatto avvicinare ma altrettanto un evento dalle mille emozioni che ci ha subito ripagati della fatica appena fatta.

laghigemelli4

Riprendiamo il sentiero e a questo punto è tutta discesa fino a dove abbiamo lasciato l’auto.

Curiosità: si chiamano Laghi Gemelli ma come si può notare dalle foto in realtà il bacino idrico è solo uno invece tutti si aspetterebbero di trovare 2 laghi distinti; in realtà di tratta di un’unica diga utilizzata dall’Enel che solo in casi particolari di manutenzione viene divisa. Sicuramente il loro nome deriva in tempi  in cui i laghetti avevano una portata d’acqua minore ed erano due distinti laghetti alpini e quindi sembrano due specchi d’acqua gemelli.

Tags : , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Categories : gite, Idee week end, Lombardia

0 Commenti








  • CONSIGLIATO

  • PROSSIMAMENTE

  • SPONSOR

  • AFFILIAZIONI

  • INIZIATIVE SPECIALI

  • Io allatto alla luce del sole 4

  • Volantini digitali co2neutral

  • Segnalato da:

  • BBMAG

  • segnalato da pane, amore e creativita

  • Wikio - Top dei blog - Blog creativi
  • PARTECIPO A…