Cosa fare quando si è in vacanza e il cielo non promette nulla di buono? Di sicuro non ci facciamo prendere dallo sconforto pensando di dover trascorrere una giornata nel letto annoiandoci; per noi c’è sempre una soluzione! La mia idea è stata fare una gita: nei dintorni ci sono molte cose da vedere ma essendoci brutto tempo non è carino girare con l’ombrello quindi la soluzione sarebbe un posto al chiuso; quale miglior idea se non le grotte? A circa 1 ora da noi ci sono le rinomate Grotte di Frasassi quindi prepariamo lo zaino, si va…

Con i bambini non ci ancora mai capitato di visitare delle grotte, si tratta della prima volta e spiegar loro di cosa si tratta non è semplice, chissà cosa si aspettano e cosa potranno capire dal nostro racconto; li vedo molto curiosi, fanno molte domande cercando di capire chi le ha formate e perché proprio dentro una montagna ma secondo me, non hanno ben capito cosa stanno per vedere.
La nostra prima sosta è al paese di Genga, un piccolo borgo dove far sosta per il pranzo in un ristorante che vi consiglio vivamente, La Locanda del Papa; è stato realizzato nelle cantine del Castello di Genga risalente al 1090 e una piccola sala sembra ricavata in una grotta proprio dove andremo poi noi in visita. Inutile dirvi che abbiamo mangiato, ovviamente, prodotti tipici iniziando con un misto di crostini e affettati per proseguire poi con un’abbuffata di primi tra i quali delle tagliatelle con salsiccia e tartufo… una delizia!
Finito il pranzo, ci siamo recati alle grotte e dopo aver fatto il biglietto abbiamo aspettato che arrivasse la nostra navetta che ci ha accompagnato proprio all’ingresso delle grotte. Il percorso visitabile è il Percorso Turistico lungo circa 1 chilometro e accessibile a tutti; ci sono altri 2 percorsi (Speleo-Avventura blu o rosso) che sono però da prenotare e per i quali serve un abbigliamento apposito e almeno 12 anni di età. Ma torniamo a noi…
Inutile dirvi lo stupore sul volto dei bambini una volta entrati e peccato non potervelo mostrare visto che all’interno non si possono fare fotografie come è anche vietato toccare qualsiasi superficie questo per poter tenere in perfetto stato la grotta. La visita inizia con un corridoio da percorrere che porta in una grandissima sala, Abisso Ancona: larga 120 metri, lunga 180 metri e alta 200 metri… immensa! Qui si inizia a capire cosa si ha di fronte: stalattiti e stalagmiti e un piccolo laghetto ghiacciato. Proseguendo si arriva alla Sala 200 così denominata per la lunghezza e al suo interno l’attrazione principale è il Castello delle Streghe per la sua strana forma che ricorda proprio un castello; seguendo le spiegazioni i bambini, ma anche noi adulti, abbiamo appreso una nozione importante: quando una stalattite si incontra con una stalagmite, dà origine ad una colonna. Proseguendo ancora si arriva al Gran Canyon dove si può ammirare un gruppo di stalattiti che sembrano formare un Organo di chiesa e la famosa Sala Candeline dove ai bordi di un cristallino laghetto si incontrano diverse stalagmiti; verso la fine del percorso si trovano poi la Sala dell’Orsa e la Sala Infinito per procedere a ritroso verso l’uscita.

Le grotte sono aperte tutto l’anno con una temperatura costante all’interno di 14°; a seconda della stagione cambiano gli orari di ingresso che vi consiglio di controllare nel sito. Il costo del biglietto è di 15,50 euro l’intero, 13,50 ridotto e 12 euro i ragazzi dai 6 ai 12 anni mentre sotto i 6 anni l’ingresso è gratuito.

Tags : , , , , , , , , , , ,
Categories : Marche, Viaggi

0 Commenti








  • CONSIGLIATO

  • SPONSOR

  • AFFILIAZIONI

  • INIZIATIVE SPECIALI

  • Io allatto alla luce del sole 4

  • Volantini digitali co2neutral

  • Segnalato da:

  • BBMAG

  • segnalato da pane, amore e creativita

  • Wikio - Top dei blog - Blog creativi
  • PARTECIPO A…