Abbiamo aspettato qualche anno prima di deciderci ad andare a Gardaland ma finalmente ci siamo andati! Pensavo che Lorenzo non si sarebbe divertito molto perché mi immaginavo che il Parco fosse più per bambini grandi invece… sono rimasta soddisfatta della bella zona per i più piccoli; ovviamente non è stato tutto positivo ma ci siamo divertiti molto soprattutto i bambini e questo è l’importante. L’imbarazzo della scelta sul punto di partenza è davvero grande vista la quantità di giostre ma: pronti, partenza… si va!

Prima della nostra gita, ci siamo studiati per bene la cartina così da non arrivare impreparati; le giostre sono segnate in maniera diversa per distinguere le adrenaline (emozioni forti), fantasy e adventure ma guardando anche il sito internet, le abbiamo potute studiare meglio guardando le foto e alcuni video così da fare una prima selezione.
Immancabile la gita all’Albero di Prezzemolo per vedere dove vive la mascotte del parco ma… attenzione, non confondete l’entrata con quella della Magic House, giostra della categoria adrenaline e per la quale di sicuro troverete un pò di coda. Entrando nell’Albero si visita la casa di Prezzemolo accompagnati da una simpatica canzone e una volta arrivati in cima all’albero si gode di una vista sull’intero parco attorniati dai rami tondeggianti e di un arancione sgargiante.

Sempre in quest’area per i bambini è fantastica la Doremifarm, un lungo giro a bordo di piccoli trattori in mezzo alla fattoria con animali di tutti i tipi; un giro poteva bastare? Assolutamente no ma per fortuna siamo riusciti a spostarci e fare qualche giro anche sul Baby pilota (piccoli aerei che si alzano in volo), Baby corsaro (piccola ruota panoramica all’interno di mini velieri) e Baby canoe (giro su piccole canoe) mentre Simone si divertiva sul Saltomatto, giostra che lui adora. Altra zona dove i bambini si sono divertiti sul Superbaby (piccole giostrine con tanti divertenti personaggi), Peter Pan (giro all’interno di velieri) e Simone si è avventurato sull’Ortobruco Tour (giro all’interno di un lungo bruco). Un divertente giro all’interno di Ramses: il risveglio ci ha permesso di giocare con dei laser per colpire delle luci colorate e fare, tra noi 4, una divertente sfida dove… immancabilmente papà ha vinto! Solo per Simone e papà è stato bello vedere lo Spectacular 4D Adventure dove sono stati immersi in un mondo virtuale.

Immancabili gli spettacoli, basta tenete sott’occhio la cartina a loro dedicata dove sono segnati i diversi orari. Noi non ci siamo fatti mancare gli Incantesimi all’interno del Castello di Mago Merlino dove un bravissimo mago effettua delle bellissime magie con le bolle di sapone ma anche il Fantasy Show ovvero lo spettacolo di marionette dove un bravissimo artista da vita a nuovi personaggi non solo con l’utilizzo delle mani ma anche… dei piedi! Impossibile invece è stato assistere allo spettacolo di Madagascar che, nonostante sia riproposto in diversi orari, ha sempre una coda pazzesca già mezzora prima dell’inizio quindi… improponibile!
Immancabili i giri su 2 treni che fanno godere di una bella visuale del parco: il Trans Gardaland Express per vedere il lato destro sopra un vecchio treno a vapore oppure sul Monorotaia per vedere il lato sinistro, quello verso il lago. Giri molto piacevoli che permettono una bella visuale dall’alto delle giostre e della bellezza del parco nonché anche del lago.
Dopo la pausa pranzo… via verso nuove giostre! Ero un pò titubante nel salirci ma alla fine mi son fatta convincere e siamo saliti sul Flying Island, un grande disco volante che si alza e gira in senso orario, molto piano, e fa godere di una vista spettacolare a 360° talmente bello che… siamo risaliti!

Simone era già partito da casa con l’idea di salire sul Mammut perché questa giostra lo incuriosiva molto ed infatti… per lui si è aggiudicato il premio di “miglior giostra” peccato solo ci sia una lunga coda anche 55 minuti d’attesa e nonostante il pagamento di 3 euro per evitare la coda, non è vero che si accede direttamente, anche pagando il passaggio agevolato si fanno lo stesso parecchi minuti di coda (ben 35 minuti quindi ne abbiamo risparmiati solo 20 pur pagando). Un vero peccato perché a Simone è piaciuta così tanto che avrebbe volentieri fatto altri giri ma… vista la coda ha desistito :(
E’ stato bello vedere le giostre adrenaliniche anche se, persino da terra, mi hanno dato una sensazione di paura come ad esempio il Raptor, Blue Tornado, Sequoia Adventure o Magic Mountain. Vederle è bello perché si vedono gli avvitamenti, i giri a testa in giù e si sentono  le persone che urlano dalla forte adrenalina che scatenano ma… che paura!


Terminata la giornata ci siamo diretti verso il lago dove i nonni ci stanno aspettando in campeggio per la cena e un gelato coi fiocchi davanti al quale poter raccontare le forti emozioni e la bella giornata trascorsa ma… non finisce qui perché ho già in mentre un’idea originale da realizzare!

Tags : , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Categories : gite, Idee week end

0 Commenti








  • CONSIGLIATO

  • PROSSIMAMENTE

  • SPONSOR

  • AFFILIAZIONI

  • INIZIATIVE SPECIALI

  • Io allatto alla luce del sole 4

  • Volantini digitali co2neutral

  • Segnalato da:

  • BBMAG

  • segnalato da pane, amore e creativita

  • Wikio - Top dei blog - Blog creativi
  • PARTECIPO A…